pubblicato giovedì, 17 Gennaio 2019

articolo scritto da

Scelta medico di base o pediatra 2019: come cambiarlo o toglierlo

Scelta medico di base o pediatra 2019: come cambiarlo o toglierlo
Scelta medico di base o pediatra 2019: come cambiarlo o toglierlo

Come cambiare il medico di base


Come si sceglie il medico di base o il medico di famiglia? Altra domanda, più pressante, però, per i neogenitori: come si sceglie il pediatra per il proprio figlio? Il procedimento è più o meno lo stesso.


Medico di base: i passi di una scelta non semplice

La burocrazia, in entrambi i casi, è comunque tanta. Innanzitutto, bisogna consultare gli elenchi dei medici convenzionati con il Servizio Sanitario Nazionale. Questi sono reperibili presso gli uffici dei distretti sanitari ma in alcuni casi è consentita la consultazione online tramite il sito della ASL di riferimento. Dunque, una volta scelto il nome sarà necessario recarsi presso l’Ufficio di Scelta e Revoca dell’ASL portando con sé tessera e libretto sanitario.

Su cosa basarsi per compiere la scelta? Il luogo in cui si trova il medico, quindi, se è semplice raggiungerlo. Poi gli orari e le modalità di comunicazione, oltre all’esperienza e alle capacità, naturalmente. Stessa importanza hanno questi elementi nella scelta di un pediatra di fiducia. In primo luogo, il neonato deve essere iscritto al Servizio Sanitario Nazionale e a seguire è possibile procedere alla nomina del pediatra. Successivamente, anche uno solo dei genitori può recarsi presso la ASL di residenza del bambino munito di certificato di nascita o autocertificazione firmata dai tutti e due i genitori, tessera sanitaria o codice fiscale sia del genitore che del nuovo nato.

Medico di base: cosa fare per cambiarlo

Cosa fare se si sceglie di cambiare il proprio medico di base? Bisogna rivolgersi sempre agli Uffici di Scelta e Revoca dell’ASL. Oltre a presentare gli opportuni documenti (autocertificazione della residenza e tessera sanitaria) sarà necessario dichiarare il motivo della propria scelta. Ciò non solo perché il medico ha diritto a conoscerlo ma anche perché l’ASL avrà modo di valutarne l’operato. Infine è utile sapere che anche il medico ha diritto a interrompere il rapporto con un paziente se giustificato da evidenti motivi.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: