pubblicato giovedì, 17 Gennaio 2019

articolo scritto da

Bolletta luce e gas: truffe contratti finti a gennaio, come riconoscerle

Bolletta luce e gas: truffe contratti finti a gennaio, come riconoscerle
Bolletta luce e gas: truffe contratti finti a gennaio, come riconoscerle

Truffe bollette luce e gas a gennaio 2019


Una nuova ondata di truffe sui contratti delle utenze energetiche minaccia i cittadini e preoccupa le aziende che forniscono i servizi. Occhio a chi propone di firmare delle carte per ottenere offerte più vantaggiose; infatti, i malintenzionati si spacciano per venditori, in realtà, non hanno alcun rapporto con i gestori delle utenze energetiche. Attenzione non solo a chi può esserci dall’altro capo del telefono ma anche a chi suona alla porta.


Bolletta luce e gas: gli ultimi casi

Di recente, è stata la Metamer, società abruzzese che fornisce luce e gas, a lanciare l’allarme tra i propri clienti. Non è la prima volta. In pratica, alcuni utenti hanno segnalato di essere stati contattati da persone che si spacciavano per operatori della società; questi poi gli hanno comunicato la necessità di firmare alcuni documenti in virtù di un aggiornamento tariffario. Può capitare di ricevere una chiamata oppure un messaggio che invita a richiamare un numero privato.

La truffa deve essere subito notata anche se qualcuno si presenta alla porta; d’altra parte, la società non si avvale di venditori porta a porta ma esclusivamente di sportelli sparsi sul territorio. Nel caso in cui si avvertisse qualcosa di sospetto, sottolinea l’azienda, “avvertite i nostri uffici o le forze dell’ordine”. Invece, se “avete firmato contratti non desiderati, probabilmente siete stati già truffati: vi invitiamo a prendere contatto con i nostri uffici per ripristinare i rapporti con la Metamer”.

Bolletta luce e gas: come difendersi

Innanzitutto, praticamente tutte le società fornitrici di energia affidabili, se mandano i propri dipendenti a bussare alle porte dei clienti li muniscono di apposito tesserino di riconoscimento. Chiedere di vederlo è sempre una buona norma di prudenza.

Altra norma di prudenza fondamentale: non lasciare a “perfetti sconosciuti” i propri dati bancari e i codici Pod/Pdr (quelli presenti in bolletta), al massimo chiedere l’invio della proposta di contratto via posta o mail. Infine, anche se si firma un contratto questo non ha validità se l’azienda non chiede conferma ai nuovi clienti (ed è pur sempre valido il diritto di recesso entro 14 giorni dalla sottoscrizione).

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: