Pubblicato il 04/01/2019 Ultimo aggiornamento: 7 Gennaio 2019 alle 09:57

Tifoso Inter morto: sequestrata auto a Napoli, il punto sulle indagini

Tifoso Inter Morto
Tifoso Inter morto: sequestrata auto a Napoli, il punto sulle indagini

Nella giornata di ieri la Squadra Mobile di Napoli ha posto sotto sequestro una Volvo station vagon, utilizzata da un ultra napoletano per investire, forse volontariamente, Daniele Belardinelli, tifoso dell’Inter.

L’ultra, venticinquenne e originario di Napoli, si trova ora nel registro degli indagati, con l’accusa di omicidio volontario. Le dinamiche del grave incidente, avvenuto in seguito ai tafferugli scoppiati il 26 dicembre, durante la partita Inter-Napoli, sono ancora da accertare.

Tifoso Inter morto: sequestrata auto a Napoli, cosa è successo

La vittima, 39 anni, è deceduta la sera del 26 dicembre per le gravi ferite riportate, nell’Ospedale San Carlo di Milano.

I tafferugli erano scoppiati in mattinata. Neanche gli uomini della Digos erano riusciti a placare la ferocia delle due bande rivali. Secondo alcune testimonianze, alcuni tifosi napoletani, nel tentativo di fuggire, avevano cercato di farsi largo tra la folla con le loro stesse auto. Per cause accidentali o volontarie, una delle auto ha investito Daniele Belardinelli.

Belardinelli: Inter, Daspo e foto. Chi è il tifoso morto

Le telecamere di video sorveglianza non hanno, sfortunatamente, ripreso la targa della Volvo sequestrata. L’auto sarebbe intestata al padre del tifoso napoletano, ora sotto accusa. Sono dunque in corso i dovuti accertamenti. Il proprietario della Station Vagon non ha però smentito che il figlio si trovasse in quel luogo, la mattina di Santo Stefano.

Tifoso Inter morto: sequestrata auto a Napoli, chi era Daniele Belardinelli

Daniele Belardinelli, ultra biancorosso, era già noto alle forze dell’ordine. I compagni hanno riferito di non ricordare nulla del momento dell’incidente. Solo uno di loro sostiene di aver visto che l’uomo è stato investito da ben due automobili; una delle quali descritta come un SUV di colore nero.

Espulso dagli stadi da ben cinque anni, l’ultra interista da tempo era diventato capo dell’ala più estremista del gruppo biancorosso, gemellato con i nerazzurri.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

ISCRIVITI AL NOSTRO FORUM CLICCANDO SU QUESTO LINK

Autore: Maria Iemmino Pellegrino

Laureanda in Scienze della Comunicazione presso l'Università Degli Studi di Salerno. Lavoro come redattrice per Termometropolitico.it dal 2017. In redazione ho trovato terreno fertile per coltivare il mio immenso amore per la scrittura. Parole chiave: informare, trasmettere, creare.
    Tutti gli articoli di Maria Iemmino Pellegrino →