09/02/2019

Atlético – Real Madrid: 1-3. Le pagelle del derby

Atlético - Real Madrid, le pagelle del derby

Atlético – Real Madrid: 1-3. le pagelle del derby

Il giorno del derby è arrivato. La stracittadina più importante degli ultimi anni – con due finali di Champions e una Supercoppa Europea giocata tra le due formazioni della capitale spagnola – non delude. Ambiente caldissimo fin dal pre-partita, con un Metropolitano gremito in ogni ordine di posto.

Atlético – Real Madrid: vincere, per rimanere agganciati alla capolista

Al Wanda Metropolitano ci si gioca il secondo posto e le chance di rimanere agganciati alla capolista Barcellona. L’Atlético è reduce dalla sconfitta esterna in casa del Betis de Sevilla, mentre il Real sembra aver recuperato una certa vitalità dopo una prima parte di stagione sottotono. Mentre il Real rimane in corsa su tutti e tre i fronti (Liga, Champions e Copa del Rey), l’Atlético può puntare – nella migliore delle ipotesi – al doblete. È innegabile che il grande obiettivo dei biancorossi sia proprio quella Champions sfuggita dalle mani del Cholo fin troppe volte in poco tempo. Ancor di più, quando la finale di quest’anno si gioca proprio al Wanda Metropolitano.

Morata e Courtois, i più attesi

Madrid castiza y rojiblanca, recita lo striscione che accoglie sul terreno di gioco – sulle note dello storico inno colchonero – la banda di Simeone. Sono due i protagonisti più attesi: Courtois da un lato, Morata dall’altro. Fino a pochi anni fa, lo spagnolo difendeva lo stemma del Real, mentre Courtois sigillava la porta dalle incursioni degli avversari affrontati dai biancorossi. Oggi Morata torna a casa, nella squadra dov’è cresciuto, l’Atlético Madrid. Il miglior portiere del mondiale, invece, ha assunto la titolarità della portería delle merengues, spodestando Keylor Navas.

Atlético – Real Madrid: Solari scardina la rojiblanca con l’aiuto del VAR

Il Real Madrid sembra aver sperato la tormenta e vince per 3-1 in casa dell’acerrimo rivale, l’Atlético Madrid. Solari schiera un solido 4-3-3. Sugli scudi Vinicius Jr., autore di una prestazione “istrionica”. Al vantaggio di Casemiro, risponde la stella dei padroni di casa, Antoine Griezmann. Il primo tempo, decisamente equilibrato, si chiude con un episodio decisivo favorevole ai blancos. Giménez atterra Vinicius al limite dell’area e viene assegnato il rigore a favore degli ospiti. Sul dischetto si presenta Sergio Ramos che non sbaglia: 1-2 al 45′ e partita in discesa per la formazione di Solari.

La seconda frazione di gioco mostra un Atlético abulico e con poche idee. Uno dei principali attori, attesi alla prova del “nove”, si fa trovare pronto… a metà. Morata segna un eurogol con un pallonetto davvero pregevole che batte Courtois. Il VAR, però, decide di annullare tutto per un fuorigioco millimetrico. Si rimane così sull’1-2. Dopo lo squillo dei padroni di casa, il Real riprende il pallino del gioco e chiude il match con il neo-entrato Gareth Bale. Una ripartenza letale culminata con un bel diagonale del gallese. Oblak non ci arriva ed è 1-3 al 74′. Pochi minuti dopo arriva l’espulsione (ingenua, per doppia ammonizione) di Thomas Partey.

Cala il sipario al Metropolitano, con la banda di Simeone senza più la forza di reagire. Solari strappa una vittoria fondamentale per continuare a sperare nella Liga e vince grazie all’aiuto del VAR, che marca in maniera decisiva il derby della capitale.

Il Real Madrid, con questa vittoria, supera i cugini dell’Atlético (45 a 44) e prova a rimanere in scia del Barcellona (attualmente a 50 punti, con una partita in meno).

Atlético – Real Madrid: le pagelle della rojiblanca

Oblak. Intiusce l’angolo del buon rigore tirato da Ramos. Può poco o nulla contro l’acrobazia di Casemiro (tra i miglior in campo del Real Madrid). 6

Lucas Hernández. Contiene egregiamente Lucas Vázquez. Buona copertura difensiva. È costretto a tappare i buchi lasciati dal dormiente Lemar. 6
Godín. Preciso e puntuale, nonostante gli acciacchi che hanno colpito il leader della retroguardia rojiblanca in questa stagione. 6
José María Giménez. Oggi, il peggiore del pacchetto arretrato. Concede un rigore evitabilissimo atterrando Vinicius all’interno dell’area di rigore. Si dimentica della presenza in campo di Bale in occasione del gol del K.O. 4 1/2
Arias. Non una gran prestazione, quella del colombiano, che nelle ultime settimane aveva visto una gran crescita di rendimento. Come terzino di spinta, soffre le volate sulla sua fascia di Vinicius, oggi in stato di grazia. 5

Correa. Ci prova come può e regala l’assist per il momentaneo pareggio firmato da Griezmann. Impreciso ma volitivo. 6 1/2 (dal 65′, Rodrigo. Offre ordine a centrocampo quando il Madrid è già in pieno controllo del match. Accusa i fastidi muscolari degli ultimi giorni. 6)
Thomás Partey. Prestazione un po’ al di sotto delle aspettative per il ghanese. Pecca sia di precisione che intensità. Errore ingenuo all’80esimo dove, già ammonito, commette un fallo davvero ingenuo che gli costa l’uscita anticipata dal terreno di gioco. 5
Saúl. Il numero 8 disimpegna bene il ruolo assegnatoli dal Cholo, contenere Luka Modric. Non può mostrare il suo potenziale offensivo, contribuendo più alla gestione dei tempi e della fase di contenimento. 6
Thomas Lemar. Il peggiore in campo: timoroso, senza idee e fuori tempo. Inofessivo in attacco, traballante in fase difensiva. Costringe il connazionale Lucas Henández agl straordinari. 4 (dal 58′, Vitolo. Sicuramente meglio di Lemar, ma non incide più di tanto. Entra con un Madrid in controllo del match e assiste impotente alla capitolazione dei suoi. 5 1/2).

Morata. Dopo un inizio anonimo, l’ariete spagnolo si prende la scena con una serie di belle giocate, culminate in un eurogol annullato per fuorigioco millimetrico. 6+ (dal 71′, Niko Kalinic. Incolpevole, non arrivano i giusti rifornimenti. S.V.).
Griezmann. Le Petite diable non riesce ad incidere in maniera costante. Quando si accende, l’Atlético cambia passo. Segna un gol pregevolissimo contro l’ex rojiblanco Courtois. 6 1/2

Atlético – Real Madrid: le pagelle delle merengues 

Courtois. Subisce la marcatura del glaciale Griezmann. Salva il risultato su un buon tentativo di Giménez. Una prova senza infamia e senza lode per uno dei protagonisti più attesi. 6

Regulión. Soffre la pressione del big match. Quasi tutti i pericoli creati dalla banda di Simeone si generano sulla fascia di sua competenza. 5
Sergio Ramos. Partita corretta e con poche sbavature da parte del capitano dei blancos. Marca il gol del 2-1 su rigore. 7
Varane. Preciso e sempre presente in fase difensiva. È uno dei migliori centrali del mondo, in prospettiva. 6 1/2
Dani Carvajal. Spinge molto di più rispetto a Regulión. Il compito è facilitato dalla presenza-assenza di Lemar, che lo lascia libero di sgroppare quanto vuole. 6 1/2

Luka Modric. Ci si aspetta molto di più da un pallone d’oro che ha posto fine al dominio del duopolio Messi-Ronaldo. Si muove tanto ma crea davvero poco. 5 1/2
Casemiro. Il migliore del centrocampo madridista. Oltre al gol, riesce a creare molti break e occasioni. Quantità e qualità che premiano la scelta di Solari. 7
Toni Kroos. Il tedesco si limita al “compitino” e, come la sua controparte – Saúl Ñigúez – svolge bene le funzioni assegnate dal mister. 6 (dal 84′, Ceballos. S.v.)

Vinicius Jr. Partita da incorniciare per Vinicius. Il brasiliano si prende la scena e dimostra gran personalità. Si procura il rigore siglato da Ramos che vale il 2-1 per i blancos. 7 1/2 (dal 57′, Bale. Entra e mostra tutte le sue doti. Chiude il match con un gol frutto di una cavalcata che lascia indietro Giménez. Fredda Oblak con gran precisione. 7).
Benzema. Il francese si sbatte avanti per provare a tenere su la squadra. Tanto lavoro sporco e pochi acuti, per uno dei pupilli di Solari. 6 1/2 (dal 88′, Mariano. S.v.)
Lucas Vázquez. Prestazione abbastanza anonima per il numero 17. Lúcas Hernández contiene benissimo lo spagnolo. Risulta essere il peggiore del tridente offensivo madridista.

Atlético – Real: il tabellino

Gol. ATM Griezmann (25′). RM Casemiro (15′), Sergio Ramos (42′, rigore), Bale (74′).

Ammonizioni. ATM Griezmann (24′), Giménez (41′), Lucas Hernández (58′), Thomás Partey (62′, 80′), Morata (68′), Saúl (72′). RM Lucas Vázquez (22′), Reguilón (64′), Modric (66′).

Arbitro: J. Fernández.

Spettatori: 67.752