01/03/2019

Sondaggi elettorali del Termometro, il PD si avvicina al Movimento 5 Stelle

autore: Gianni Balduzzi
sondaggi elettorali
Sondaggi elettorali del Termometro, il PD si avvicina al Movimento 5 Stelle

In vista delle prossime elezioni europee anche il Termometro Politico si è cimentato in una stima delle elezioni di voto che ha coinvolto con metodo CAWI circa 2400 potenziali elettori.

I risultati di questi sondaggi elettorali restituiscono una Lega in testa alle intenzioni di voto con il 31,5%. Seguita a grande distanza dal Movimento 5 Stelle, calato fino al 21,3%.

La novità è il fatto che il PD appare essere ormai vicino al MoVimento, con il 20,5%. Probabilmente la maggiore attenzione dei media sul partito in vista delle primarie ha giocato a favore dei em. Oltre al possibile spostamento del voto di elettori pentastellati di sinistra delusi dall’attuale gestione del partito.

Forza Italia conferma una fase di calo con l’8,2%. Con il 4,5% di Fratelli d’Italia, stabile rispetto alle politiche, e l’1,3% di altre forze minori la coalizione di centrodestra si posiziona al 45,5%.

Dall’altra parte appare in crescita +Europa con il 4,1%, che supera quindi le liste della galassia di sinistra. Tra queste i partiti di sinistra come Verdi, Posibile, MDP, che ancora non si sono posizionati in alleanze sarebbero al 2,9%.

Mentre non decolla, stretta tra la concorrenza, la possibile coalizione di De Magistris, con Rifondazione Comunista e Sinistra Italiana, all’1,4%.

Potere al Popolo è all’1,4%, poco sopra le politiche.

Tra le forze minori di destra il Popolo della Famiglia viene dato allo 0,3% e Casapound al 0,7%.

Gli altri qui non citati raccoglierebbero l’1,9%.

Per molte forze minori sarà necesario raccogliere le firme per partecipare alle elezioni europee, e quindi non è detto possano essere presenti sulla scheda.

sondaggi elettorali

Sondaggi elettorali TP, le priorità per gli elettori dei principali partiti

È stato chiesto anche quali siano le priorità a cui il Parlamento Europeo dovrebbe porre attenzione. Al primo posto con il 32,5% vi è il tema occupazionale. Segue la riforma dell’Unione Europea con il 22,5%, che supera la crescita economica, al 20,7%.

L’immigrazione è solo quarta tra le priorità, al 10,5%, mentre ambiente, sicurezza, pensioni, istruzione sono tutte sotto il 5%.

sondaggi elettorali

Ma la cosa più interessante riguarda la scelta degli elettori in relazione al partito che votano.

Così vediamo come il tema occupazionale sia più caro ai democratici, scelto dal 42,1%. Seguono, tra gli elettori dei grandi partiti, quelli pentastellati. Il 39,1% di questi predilige allo stesso modo la stessa tematica.

Gli elettori forzisti vedono come prioritaria la crescita economica. È al primo posto per il 44,9% di loro.

I leghisti sono piuttosto spaccati. Per il 25,5% la cosa più importante è la riforma delle istituzioni europee, ma vicinissime seguono l’occupazione e il lavoro con il 24,3% e l’immigrazione con il 23,5%.

Immigrazione che invece non appare come tema prioritario per gli elettori degli altri partiti.

sondaggi elettorali

SEGUI IL NUOVO TERMOMETRO QUOTIDIANO A QUESTO LINK.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]


Autore: Gianni Balduzzi

Editorialista di Termometro Politico, esperto e appassionato di economia, cattolico- liberale, da sempre appassionato di politica ma senza mai prenderla troppo seriamente. "Mai troppo zelo", diceva il grande Talleyrand. Su Twitter è @Iannis2003
Tutti gli articoli di Gianni Balduzzi →