Conto corrente pensionati 2019: come aprirlo a zero spese

Pubblicato il 7 Marzo 2019 alle 08:54 Autore: Daniele Sforza

Un conto corrente per pensionati gratis, a zero spese di gestione, per il semplice accredito della pensione. Ecco come aprirlo nel 2019.

Conto corrente pensionati 2019
Conto corrente pensionati 2019: come aprirlo a zero spese

I pensionati che ricevono un assegno mensile superiore a 1.000 euro sono tenuti ad aprire un conto corrente per l’accredito della pensione. Se l’assegno pensionistico non supera i 18.000 euro annui, si avrà la possibilità di aprire un conto corrente a zero spese. SI tratta del classico conto corrente base, di cui abbiamo già parlato relativamente al conto postale in questo articolo. Le regole sono le stesse anche sotto l’aspetto bancario, pertanto non ci resta che andare a riassumerne gli aspetti principali.

Conto corrente pensionati 2019: come funziona

Per sapere le caratteristiche principali di un conto corrente base e, in generale, come funziona, bisogna fare riferimento al Decreto n. 70/2018. Più precisamente, l’articolo 5 ha come oggetto i soggetti aventi diritto a trattamenti pensionistici fino all’importo lordo annuo di 18.000 euro.

Per avere un conto corrente base e quindi a zero spese, oltre alla somma annua di reddito da pensione da non superare, bisognerà anche rispettare determinati requisiti. Come stabilito dal comma 1 dell’articolo 5, infatti, il conto di base è offerto senza spese ed è esente in modo assoluto dall’imposta di bollo per i consumatori il cui Isee in corso di validità è inferiore a 11.600 euro.

Conto corrente pensionati 2019: cosa si può fare

Pertanto il conto base risulta essere un conto corrente agevolato e a zero spese. Nel “pacchetto” sono compresi inoltre ulteriori servizi. Tra questi spicca la possibilità di effettuare 12 prelievi presso lo sportello (1 al mese), 6 presso tutti gli Atm, ma illimitati presso gli sportelli Atm della banca di riferimento. Al tempo stesso sono inclusi addebiti diretta SEPA illimitati, 6 pagamenti ricorrenti tramite bonifico SEPA con addebito in conto, 6 versamenti di contanti o assegni, 1 emissione/rinnovo/sostituzione della carta di debito e 6 richieste dei movimenti e delle operazioni bancarie.

I servizi citati sono dunque compresi, in quel numero annuo, nei servizi base, e pertanto a zero spese. Come precisa il Decreto, il costo delle operazioni supplementari si considera “ragionevole e coerente con finalità di inclusione finanziaria quando risulta uguale o superiore ai costi sostenuti dal prestatore di servizi di pagamento l’effettuazione delle operazioni stesse”. E inoltre non ecceda “in ogni caso l’importo mediano delle spese applicate nel semestre precedente ai consumatori dal medesimo prestatore di servizi di pagamento per l’effettuazione delle stesse operazioni e servizi”.

Conto corrente base 2019: come aprirlo

Per aprire un conto base sarà necessario recarsi presso la banca dove si vuole aprire il conto muniti di codice fiscale e documento d’identità valido, ma non solo. Come scritto sopra sarà necessario avere un Isee non superiore agli 11.600 euro. Ciò andrà dichiarato al momento della richiesta, ma soprattutto bisogna presentare entro il 31 maggio di ogni anno il proprio Isee in corso di validità. Qualora ciò non venisse fatto, le banche potranno essere tenute ad applicare i costi relativi al conto tradizionale. Infine, per aprire un conto corrente base non bisognerà essere titolari di un altro conto corrente della medesima tipologia.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →