Pubblicato il 02/05/2019

Scrutatori elezioni europee 2019: domanda e stipendi, quanto guadagnano

autore: Daniele Sforza
Scrutatori elezioni europee 2019
Scrutatori elezioni europee 2019: domanda e stipendi, quanto guadagnano

Stipendio scrutatori 2019


La data delle elezioni europee 2019 si avvicina sempre di più e oltre alle questioni prettamente politiche (cosa votare) se ne rivelano altre di differente natura. Come in ogni tornata elettorale, anche in questa saranno presenti gli scrutatori e i presidenti di seggio. Ma come si fa a diventare scrutatore e quanto si guadagna? Andiamo a rispondere.

Scrutatori elezioni europee 2019: come fare

Per diventare scrutatore bisogna essere iscritti all’Albo unico degli scrutatori, che si trova presso l’Ufficio elettorale del Comune. Pertanto, per diventare scrutatore, occorre prima presentare domanda presso l’Anagrafe del Comune dove si è residenti tramite la compilazione del relativo modulo. E ovviamente ricevere una risposta positiva. L’idoneità alla richiesta inserirà il soggetto in una graduatoria dalla quale poi potrà essere sorteggiato per la tornata elettorale. Per iscriversi all’Albo ci sono dei tempi prestabiliti (generalmente entro il 30 novembre). L’inserimento in lista è per sempre, nel senso che non sarà necessario rinnovare la propria disponibilità ogni anno, a meno che non si cambi Comune di residenza.

Scrutatori elezioni europee 2019: requisiti

Per far sì che la domanda di scrutatore venga accolta ed inserita nelle relative graduatorie bisognerà essere in possesso di determinati requisiti. Ovvero, essere maggiorenne e cittadino italiano, nonché essere iscritto nelle liste elettorali del Comune di residenza. Infine aver assolto gli obblighi formativi scolastici e godere dei diritti politici.

Infine ci sono alcune categorie di persone che non possono ricoprire il ruolo di scrutatori. Tra questi i dipendenti delle forze armate, gli impiegati presso gli uffici elettorali comunali, i dipendenti del Ministero dell’Interno, delle Telecomunicazioni e dei Trasporti. Infine, ovviamente, non possono essere scrutatori i rappresentanti di lista e i candidati alle elezioni di riferimento.

Scrutatori elezioni europee 2019: cosa fanno

Gli scrutatori sono nominati dall’apposita Commissione Elettorale Comunale circa una ventina di giorni prima del voto. Lo scrutatore ha come compito quello di gestire le operazioni di voto e di fare da assistente al presidente di seggio nonché al segretario. Quando andiamo a votare, siamo tenuti a fornire il documento d’identità e la tessera elettorale a una persona dietro i banchi scolastici. Quella persona è lo scrutatore che dovrà identificare il documento d’identità e la tessera elettorale, annotando quanto dovuto nel relativo registro. Lo scrutatore lavora ovviamente anche quando il tempo delle consultazioni è terminato ed è parte attiva nello spoglio e nel conteggio dei voti.

Scrutatori elezioni europee 2019: quanto guadagnano

Veniamo ora alla voce economica. Quanto viene retribuito uno scrutatore. Lo “stipendio” di uno scrutatore dipende in realtà dal tipo di consultazione e dal numero contemporaneo delle stesse. Ad esempio, il 26 maggio sono previste le elezioni europee e in molti comuni ci sono anche le amministrative. Generalmente per le elezioni amministrative gli scrutatori guadagnano 120 euro, mentre per le elezioni europee la retribuzione sarà leggermente inferiore, ovvero intorno ai 100 euro.

Per le europee più alta la retribuzione per i presidenti di seggio, visto che ammonta a 120 euro. Questi hanno comunque responsabilità penale nei confronti di ciò che accade nel seggio. Infine, per diventare presidente di seggio occorre avere gli stessi requisiti degli scrutatori, fatta eccezione per quello formativo, il cui titolo minimo richiesto è il diploma.

SEGUI IL NUOVO TERMOMETRO QUOTIDIANO A QUESTO LINK.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]

Autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →