articolo scritto da facebook icona autore twitter icona autore

Sondaggi elettorali Quorum: crescono Lega e Pd, giù il M5S

sondaggi elettorali quorum, intenzioni voto
Sondaggi elettorali Quorum: crescono Lega e Pd, giù il M5S

La Lega torna a crescere nelle ultime intenzioni di voto per le europee registrate da Quorum per la trasmissione “Il Confine” su SkyTg24. Secondo il sondaggio realizzato tra l’11 e il 12 aprile 2019, il Carroccio guadagna l’1,1% rispetto alla precedente rilevazione e sale al 33,2%. Male il Movimento 5 Stelle che perde lo 0,4 e cala al 22,3%. Il Pd si avvicina, crescendo dello 0,6%, sino al 21,1%. Nel centrodestra sia Forza Italia che Fratelli d’Italia fanno un passo indietro, rispettivamente al 9,9% e al 5,1%. Anche a sinistra la situazione non è delle più rosee. Più Europa scende al 2% e si allontana dalla soglia di sbarramento del 4%. Sinistra Italiana è messa peggio: perde un punto e cala all’1,7%. Articolo 1-Mdp raggiunge l’1%.

Sondaggi elettorali Quorum: no alla flat tax

Il 62% degli italiani afferma di non essere soddisfatto dell’operato del governo. La maggioranza dei sostenitori di Lega (90,6%) e M5S (77,4%) continuano invece ad apprezzare quello che sta facendo l’esecutivo giallo verde. Le opinioni dei due elettorati divergono sulla flat tax con il 55,1% dei sostenitori della Lega favorevoli alla misura e l’82,4 degli elettori grillini contrari. In totale, la flat tax non piace al 77,1% degli intervistati.

Sondaggi elettorali Quorum: recessione, la colpa è del governo

Infine secondo il 64,5% dei cittadini è colpa del governo se l’economia italiana cresce meno di ogni altra in Europa. Anche su questo tema, gli elettorati di riferimento della maggioranza giallo verde divergono. Il 51,9% di chi vota Lega indica il governo come il principale responsabile dell’attuale situazione economica del Paese, il 79,8 degli elettori pentastellati assolve invece l’esecutivo.

sondaggi elettorali quorum, flat tax

Sondaggi elettorali Quorum: nota metodologica

Sondaggio svolto con metodologia CATI/CAWI tra l’11 e il 12 aprile 2019 su un campione di 1.000 intervistati rappresentativi della popolazione maggiorenne residente in Italia indagata per quote di genere ed età incrociate stratificate con quote di titolo di studio e di macroregione di residenza. L’errore campionario è pari al +/- 3,1%.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

ultima modifica: giovedì, 18 Aprile 2019