26/04/2019

L’ultimo spot dell’UE che invita al voto (VIDEO)

autore: Alessandro Faggiano
L'ultimo spot dell' Unione Europea che invita al voto (VIDEO)
L’ultimo spot dell’UE che invita al voto (VIDEO)

L’ultimo spot dell’Unione Europea che invita al voto (VIDEO)

Nella storica giornata della liberazione, l’Unione Europea ha rilasciato un video di pochi minuti nel quale, attraverso una serie di metafore legate alla vita e alla nascita, al corso degli eventi, invita ad andare a votare nelle prossime elezioni di fine maggio.

Una voce fuori campo – di un pargolo “appena nato” – ci ricorda che da soli possiamo “lasciare un segno”, ma che insieme possiamo fare la differenza.

Il ritmo dello spot è decisamente cadenzato, cercando di far risaltare ogni elemento narrato dalla voce fuori campo. Tra i temi che vengono toccati, il terrorismo e l’ambientalismo. Il primo, determinante negli ultimi anni per intercettare le istanze legate alla sicurezza. Il secondo, invece, giunto sotto i riflettori dell’opinione pubblica e dell’agenda politica e mediatica dopo le manifestazioni a scala globale del 15 marzo.

Clicca qui per gli ultimi sondaggi sulle elezioni spagnole

L’importanza della partecipazione e la legittimità dell’ Unione Europea

L’invito finale è rivolto allo spettatore: choose the Europe you want me to grow up in. Una frase che di per sé è un invito alla partecipazione. L’Unione sembra voler scongiurare, in primis, il rischio di un flop elettorale. Un alto livello di astensione potrebbe delegittimare ulteriormente la struttura comunitaria.

Vi proponiamo il video, di 3 minuti e 19 secondi. Lo trovate QUI.

SEGUI IL NUOVO TERMOMETRO QUOTIDIANO A QUESTO LINK.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]

Autore: Alessandro Faggiano

Caporedattore di Termometro Sportivo e Termometro Quotidiano. Analista politico e politologo. Laureato in Relazioni Internazionali presso l'Università degli studi di Salerno e con un master in analisi politica conseguito presso l'Universidad Complutense de Madrid (UCM).
Tutti gli articoli di Alessandro Faggiano →