Doris Day è morta a 97 anni: carriera e biografia. Chi era l’attrice

Pubblicato il 13 Maggio 2019 alle 16:17 Autore: Guglielmo Sano

Se ne va un simbolo degli anni ’60 di Hollywood, la “fidanzatina d’America”, Doris Day aveva 97 anni a stroncarla una polmonite

Doris Day è morta a 97 anni: carriera e biografia. Chi era l'attrice
Doris Day è morta a 97 anni: carriera e biografia. Chi era l’attrice

Se ne va un simbolo degli anni ’60, gli anni d’oro di Hollywood; la “fidanzatina d’America”, Doris Day aveva 97 anni.

Doris Day: se ne va la fidanzatina d’America

A dare la notizia della morte della nota attrice, a causa di una polmonite, la fondazione per i diritti degli animali che porta il suo nome. Doris Day era il nome d’arte di Doris Mary Anne von Kappelhoff (cambiò nome solo dopo il successo della canzone “Day by day).

Nata a Cincinnati nel 1922, diventata famosa già negli anni Quaranta, come cantante, dopo la Seconda Guerra Mondiale ha raggiunto un enorme successo anche come attrice sul grande schermo ma anche in TV grazie alla sit-com The Doris Day Show.

Bibi Andersson è morta dopo una malattia: chi era e carriera dell’attrice

Doris Day: la carriera dell’anti-Maryln

Tra i suoi film più noti, ha girato in tutto 39 pellicole, L’uomo che sapeva troppo di Alfred Hitchcock ma anche Amore sotto coperta, Non sparare, baciami! (il suo preferito: interpretava Calamity Jane), il letto racconta…, Il tunnel dell’amore.

Tutte commedie romantiche all’insegna della Family way of life per cui viene considerata la nemesi dell’irresistibile femme fatale Marylin Monroe. Prima di ritirarsi completamente dalle scene negli anni ’80, ha vinto un Golden Globe e un Grammy Award; una sola nomination all’Oscar per lei. Si dice che abbia rifiutato di interpretare la parte della signora Robinson ne Il laureato.

Figlia di profughi tedeschi arrivati negli Usa dopo il primo conflitto mondiale, la Day non ebbe un’infanzia semplice: la morte del fratello maggiore, la separazione dei genitori ma soprattutto, un incidente d’auto che le impedì di coronare il suo sogno di diventare ballerina professionista (era una grande appassionata di tip tap).

Proprio durante la convalescenza decise di diventare una cantante. Il suo brano Sentimental Journey diventò presto un simbolo per i soldati americani impegnati a combattere in Europa e nel Pacifico ma forse la sua interpretazione più celebre resterà quella di Whatever Will be, altrimenti nota come Que sera sera.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →