07/06/2019

Quanti lavorano in Italia ed Europa nel settore della conoscenza? – Infografiche

SETTORe della conoscenza
Quanti lavorano in Italia ed Europa nel settore della conoscenza? – Infografiche

Si tratta dei settori chiave per lo sviluppo economico di un Paese, quelli che pagano meglio e i meno destinati ad essere messi in crisi dallo sviluppo tecnologico. Sono quelli dell’ICT e in generale dei servizi della conoscenza, dalla ricerca e istruzione, alla medicina, a tutti quelli in cui secondo la definizione di Eurostat più di un terzo di lavoratori impiegati ha una laurea.

E in Italia non siamo messi bene. Lo vediamo nell’infografica, in cui è possibile scegliere il settore, ICT, o i servizi ad alta intensità di conoscenza o quelli a bassa densità, e naturalmente il Paese.

In media nella UE il 40,3% dei lavoratori è occupato nei servizi ad alta intensità di conoscenza, e il 4,1% nell’ICT.

In Italia le due percentuali sono 34,6% e 3,5%. Nel Regno Unito 49,7% e 4,8%. In Germania 40,7% e 4,2%. Meno che in Francia, dove il 46,1% lavora nei servizi knowledge intensive.

L’Italia guardando questi dati assomiglia più ai Paesi dell’Est, dove si scende circa al 30%, che a quelli dell’Europa Occidentale.

E guardando ai pochissimi laureati potrebbe andare ancora peggio se non fosse che molti senza laurea non sono neanche occupati nel nostro Paese e quindi sono meno i luoghi in cui sono maggioranza.

Nel settore della conoscenza i posti non aumentano – infografiche

Simmetricamente sono di più nel nostro Paese coloro che lavorano in servizi a bassa conoscenza, con meno forza lavoro laureata.

Sono il 35,5%, contro una media del 31,1% e circa il 30% in Francia, Regno Unito, Germania.

E negli ultimi 10 anni non vi sono stati molti cambiamenti, si è passati in Italia dal 33,6% di impiegati nei settori con più laureati al 34,6% del 2018.

In media nella UE si è andati dal 36,9% al 40,3%. Con buoni progressi soprattutto a Est, o in Spagna, dove dal 30,9% si è arrivati al 35,8%. E persino in Grecia. Dal 32,5% al 36,4%. Seppure concentrati negli anni prima della grande crisi economica. Incrementi, anche se su numeri più piccoli, anche per il settore ICT.

C’è ancora molto lavoro da fare per recuperare, ma è assolutamente necessario.

SETTORe della conoscenza

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOKTWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM