Orientamento universitario 2019: facoltà numero chiuso e libere. Guida

Pubblicato il 5 Luglio 2019 alle 16:00 Autore: Guglielmo Sano

Orientamento universitario: dopo la maturità è già tempo per gli studenti di porsi la domanda a quale facoltà iscriversi?

Orientamento universitario 2019: facoltà numero chiuso e libere. Guida
Orientamento universitario 2019: facoltà numero chiuso e libere. Guida

Per gli studenti dopo la maturità è tempo di fare una scelta: entrare subito nel mondo del lavoro o proseguire con l’Università e, in quest’ultimo caso, che facoltà scegliere?

Orientamento universitario: utilizzare il web per fare più test possibile

In realtà, molti studenti – ben prima di terminare le scuole superiori – hanno già scelto che facoltà universitaria intraprendere. Questi ultimi, dunque, sanno già se dovranno sostenere dei test d’ingresso o meno (magari hanno cominciato a frequentare dei corsi preparatori in parallelo alla scuola): ne sono certi per esempio coloro che vogliono fare i medici o gli ingegneri. Tuttavia, anche diverse altre facoltà – con qualche differenza da ateneo ad ateneo – prevedono dei test selettivi per i propri corsi di laurea a numero chiuso.

Detto ciò, ci sono moltissimi altri studenti che sono ancora indecisi su quale percorso iniziare. Sul web, grazie a dei portali specializzati sulle tematiche di ambito scolastico e universitario, è possibile svolgere dei test di orientamento anche molto approfonditi: alcuni, infatti, aiutano a comprendere l’ambito di studi più adatto alle proprie conoscenze di base e non solo quello di maggior gradimento. Per esempio, a scuola ci si potrebbe essere appassionati alla filosofia ma dal punto di vista universitario sarebbe meglio iscriversi alla facoltà di giurisprudenza. Basta cercare ‘test orientamento universitario’ su Google e si avrà un lungo elenco di siti che propongono dei quiz adatti allo scopo di scoprire quale sia il corso di laurea più indicato a seconda dei casi. Farne diversi e poi incrociare i risultati sicuramente è un ottimo approccio.

Scegliere la facoltà e poi l’Università

Una volta fatta una scelta sul corso di laurea che si vuole frequentare o anche solo dopo aver ristretto il campo sarà opportuno informarsi su quale ateneo preferire. Considerazione che prenderà in esame professori, il piano di studi, la tradizione, anche i costi e le eventuali forme di supporto allo studio. Certo, ciò vale solo per quegli studenti che hanno la possibilità o comunque sono disposti a spostarsi, a trasferirsi per dir meglio, in una città diversa dalla propria o dalla città più vicina che è anche sede di un’università. Questo è un fattore molto importante visto che, a parte il fatto che alcuni corsi potrebbero essere aperti a tutti invece che a numero chiuso, alcuni atenei offrono delle condizioni in grado di far studiare più piacevolmente (magari dei corsi con più materie a scelta) e di conseguenza di laurearsi più in fretta.  

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →