23/07/2019

Maria Giovanna Maglie: Salvini vuole portare il governo fino alla manovra

autore: Alessandro Faggiano
Maria Giovanna Maglie: Salvini vuole portare il governo fino alla manovra
Maria Giovanna Maglie: Salvini vuole portare il governo fino alla manovra

Proseguono le schermaglie all’interno dell’esecutivo. Nonostante sia stato già scongiurato il ritorno alle urne a settembre, la situazione dalle parti di palazzo Chigi rimane decisamente tesa. I nodi principali da sciogliere riguardano il rebus per le autonomie – che vede protagonisti i presidenti di Regione Fontana e Zaia – e la costruzione delle grandi opere. Entrambe sono partite molto delicate, con M5S e Lega su posizioni decisamente distanti.

Proprio in merito alla stabilità di governo, la nota giornalista Maria Giovanna Maglie ha detto la sua. Quanto potrà durare l’esecutivo giallo-verde? E come si relazionano le istanze di autonomia di due regioni “fortino” (come Veneto e Lombardia) con le aspirazioni di ambito nazionale della Lega?

La giornalista ha parlato di questi temi negli studi di La7 a l’aria che tira.

Maria Giovanna Maglie sulle autonomie

La giornalista crede che non ci sia uno scontro reale tra i due progetti (quello federalista e quello sovranista, di scala nazionale). Maria Giovanna Maglie crede che bisognerà ancora parlare, dialogare. Aggiunge che non è nemmeno sicura che questa spinta autonomista penalizzi realmente il Sud.

Andrà avanti questo governo? E se si, come?

Maria Giovanna Maglie crede che “questo governo sia nato per durare tutta la legislatura, come qualsiasi governo.” Secondo la giornalista, al tempo, Salvini preferì questo tipo di esecutivo a uno di centrodestra ma ancora spinto – anche se solo “psicologicamente” – da Forza Italia e Silvio Berlusconi.

“La Lega in questo momento è un partito granitico, dietro al leader. Salvini è lì che vince. Salvini vorrà portare a casa la manovra e, una volta portata a casa, tana libera tutti“. Ovvero: si va avanti fino a dicembre, fino all’approvazione della prossima legge di bilancio (per il 2020) e poi si torna al voto.

Ipotesi, questa, che è stata vagliata già in altre occasioni e che continua a risuonare con frequenza come una delle teorie più accreditate sul futuro del governo giallo-verde e, in generale, di questa legislatura.

SEGUI IL NUOVO TERMOMETRO QUOTIDIANO A QUESTO LINK.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]

Autore: Alessandro Faggiano

Caporedattore di Termometro Sportivo e Termometro Quotidiano. Analista politico e politologo. Laureato in Relazioni Internazionali presso l'Università degli studi di Salerno e con un master in analisi politica conseguito presso l'Universidad Complutense de Madrid (UCM).
Tutti gli articoli di Alessandro Faggiano →