Pubblicato il 16/08/2019 Ultimo aggiornamento: 22 Agosto 2019 alle 13:12

Mutuo a tasso negativo: cos’è, come funziona e dove si può aprire

autore: Daniele Sforza
Mutuo a tasso negativo: cos’è, come funziona e dove si può aprire

Mutuo a tasso negativo, chi ne ha sentito parlare? Probabilmente nessuno, a patto di non aver letto qualcosina negli ultimi giorni in giro per la rete. In effetti, accendere un mutuo a tasso negativo sarebbe un sogno per tutti i potenziali acquirenti di una casa, perché significherebbe restituire alla banca meno di quanto prestato. Eppure in un Paese europeo sta succedendo proprio questo: lo scopo è quello di reagire alla crisi del mercato immobiliare, ma aldilà dei pensieri positivi c’è anche il timore di una nuova crisi in arrivo.

Mutuo a tasso negativo: dove si può aprire

Il Paese europeo sopraccitato è la Danimarca, che si trova in Europa, ma non nell’Eurozona e rimane dunque libero dei vincoli bancari della BCE. Qui la terza banca più grande del Paese (Jyske Bank) ha deciso di proporre ai propri clienti mutui di durata decennale a un tasso fisso negativo (-0,5%). Si tratta di un’economia, quella danese, come abbiamo già detto fuori dall’Eurozona, ma anche con rating AAA. Ciò consente di pensare a strategie “fuori dal comune” per rispondere alla crisi di un mercato fermo, com’è quello immobiliare. La banca ha pensato bene che il modo migliore per stimolare il mercato sia far muovere il mercato dei prestiti, anziché farli restare fermi. Insomma, meglio un tasso negativo che lo stallo più totale. Jyske non è il solo istituto ad aver ragionato su questa ipotesi, poiché anche Nordea Bank sta pensando a proporre mutui ventennali a tasso fisso a interessi zero e mutui trentennali a tasso negativo.

Unire due mutui: risparmio, importo e come si fa nel 2019

Il tasso negativo e il timore di una nuova crisi

Come scrive Panorama, tuttavia, non sono tutte stelle quelle che luccicano: “L’altro lato della medaglia è che il facile accesso al credito ha portato al rialzo i costi delle case in Danimarca e gli osservatori temono che si crei una bolla immobiliare dalle conseguenze drammatiche per il mercato sia a livello finanziario che a livello immobiliare”, scrive Barbara Massaro.

Numericamente parlando, un tasso di interesse del -0,5% significa che se una casa costa 1 milione di corone danesi (poco più di 130 mila euro), l’acquirente ne restituirà 995 mila, producendo così un importante sconto sul finanziamento, mossa che potrebbe invogliare ad acquistare casa in Danimarca, anche se tale strategia farà (e sta già facendo) lievitare inevitabilmente i prezzi degli immobili.

SEGUI IL NUOVO TERMOMETRO QUOTIDIANO A QUESTO LINK.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]

Autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →