Pubblicato il 23/08/2019 Ultimo aggiornamento: 26 Agosto 2019 alle 14:39

Pensioni ultima ora: cancellazione Quota 100, le posizioni M5S-Pd

autore: Giuseppe Spadaro
Pensioni ultima ora: cancellazione Quota 100, le posizioni M5S-Pd

Pensioni ultima ora: lo scenario di un possibile cambio di esecutivo rischia di mettere in discussione l’attuale quadro normativo in ambito previdenziale. Il passaggio da un governo composto da M5S e Lega ad un esecutivo sostenuto da M5S, Pd e LeU potrebbe portare delle novità in tal senso.

Pensioni ultima ora, che ne sarà di Quota 100?

Il governo Conte ha infatti introdotto, col decreto n. 4/2019, oltre al reddito di cittadinanza Quota 100. Una misura con cui si dà la possibilità di andare in pensione a chi ha 62 anni e 38 anni di contributi versati. Quota 100 è una misura temporanea approvata per il triennio 2019-2021 ma molti temono che con la nascita del nuovo governo la norma potrà essere oggetto di modifica-revisione o di abrogazione.

Pensioni ultima ora, le pensioni fuori dai punti strategici di M5S e Pd

Il primo ad evocare uno scenario simile è stato proprio il segretario della Lega Matteo Salvini che, giovedì 22 agosto 2019, al termine delle consultazioni con Mattarella ha criticato l’eventuale nascita del nuovo governo M5S-Pd-LeU e fatto intendere come lo stesso potrà rappresentare un pericolo per il futuro di Quota 100.

Movimento 5 Stelle e Pd si stanno in queste ore confrontando sulla possibilità di una intesa programmatica. Tutto, da quanto è dato sapere, è ancora da definire. Ma tra gli elementi certi c’è che la materia previdenziale non sia stata citata sinora né dal Movimento 5 Stelle che ha indicato 10 punti programmatici, né dal Pd che ha delineato 5 punti base per l’accordo coi 5 Stelle

LO SPECIALE SULLE PENSIONI A QUESTO LINK

I giudizi di M5S e Pd su Quota 100

Pensioni ultima ora – Altre considerazioni possono essere legate ai giudizi sinora espressi dalle due principali forze politiche che lavorano al nuovo accordo di governo. I 5 Stelle hanno puntato sull’approvazione del reddito di cittadinanza mentre Quota 100 è stata una misura maggiormente voluta e rivendicata dalla Lega. Il Pd ha criticato Quota 100 ritenendola una misura iniqua e poco attenta ai giovani. C’è inoltre da considerare che il nuovo esecutivo dovrà fare i conti con le esigenze di bilancio. Pertanto non si può escludere che una parte delle risorse necessarie, per evitare l’aumento dell’Iva o per altre misure ritenute urgenti, possano essere recuperate proprio dalle cifre inizialmente preventivate per la stessa Quota 100. Bisognerà tuttavia attendere gli sviluppi della crisi per capire cosa accadrà.

SEGUI IL NUOVO TERMOMETRO QUOTIDIANO A QUESTO LINK.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]

Autore: Giuseppe Spadaro

Direttore Responsabile di Termometro Politico. Iscritto all'Ordine dei Giornalisti (Tessera n. 149305) Nato a Barletta, mi sono laureato in Comunicazione Politica e Sociale presso l'Università degli Studi di Milano. Da sempre interessato ai temi sociali e politici ho trasformato la mia passione per la scrittura (e la lettura) nel mio mestiere che coltivo insieme all'amore per il mare e alla musica.
Tutti gli articoli di Giuseppe Spadaro →