Pubblicato il 17/09/2019

Pensioni ultime notizie: Salvini “ritorno Fornero? Chiediamo agli italiani”

autore: Daniele Sforza
Pensioni ultime notizie: Salvini “ritorno Fornero? Chiediamo agli italiani”

Sul tema pensioni ultime notizie riportano le nuove dichiarazioni del leader della Lega Matteo Salvini a proposito di quello che potrebbe fare il nuovo esecutivo sul tema previdenziale. Il grande timore – e quello che ha più presa sugli italiani – è certamente il ritorno alla Legge Fornero e la cancellazione di Quota 100. Ma se sotto quest’ultimo aspetto, al massimo, dovrebbero esserci solo modifiche (è esclusa una eliminazione della misura), le ultime su un ritorno alla Legge Fornero restano al momento parte della campagna elettorale della Lega.

Pensioni ultime notizie: Salvini contro il ritorno alla Legge Fornero

Su 7 Gold Matteo Salvini se la prende con il nuovo governo e lancia la possibilità di un referendum sul tema pensioni. “Il popolo a Roma è stato tenuto fuori dal palazzo”, ha detto. “Ci sono i referendum, ci sono i sindaci e i governatori. Se vogliono tornare alla Legge Fornero chiederemo agli italiani di darci una mano”. Dunque, nell’eventualità in cui il governo dovesse tornare alla Legge Fornero cancellando i provvedimenti attuati dalla legislatura giallo-verde, la Lega andrebbe a proporre un referendum chiamando all’appello gli italiani contrari al ritorno a pieno regime della Legge del 2011.

Pensioni ultime notizie: il precedente del referendum anti-Fornero

In verità, la “chiamata al popolo” tramite referendum non è una novità per la Lega. Avvenne già nel 2015 e il tema centrale era sempre la Legge Fornero, nel tentativo di proporre un referendum abrogativo. Il partito raccolse oltre 500 mila firme, che furono convalidate dalla Cassazione, mentre la Corte Costituzionale valutò inammissibile il quesito del referendum.

Inoltre, c’è da precisare che la Legge Fornero non è mai stata smantellata né abolita del tutto: Quota 100 è stata sola una misura finalizzata a dare la possibilità a chi era in possesso dei requisiti di uscire prima, senza dover essere ancorato all’aspettativa di vita e inoltre non è strutturale, bensì sperimentale, con scadenza originaria al 31 dicembre 2021 (scadenza che potrebbe essere anticipata di un anno).

Autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →