Pubblicato il 30/09/2019 Ultimo aggiornamento: 1 Ottobre 2019 alle 11:10

Sondaggi elettorali, un confronto: i minority report degli istituti al 30 settembre 2019

autore: Gianni Balduzzi
Sondaggi elettorali, un confronto: i minority report degli istituti al 30 settembre 2019

Diamo puntualmente conto dei sondaggi elettorali che ogni settimana i vari istituti producono. E lo facciamo confrontando le tendenze ed i numeri dei singoli studi. Ognuno può così verificare il valore dei partiti osservando come cambia la percentuale da un sondaggio all’altro.

In questa rubrica però, come ogni settimana, cerchiamo di tracciare l’andamento dei sondaggi elettorali che si distaccano dagli altri per vedere successivamente chi ci ha visto giusto. E anche per cercare di comprendere quali istituti fiutano, prima degli altri, i cambiamenti di umore dell’elettorato.

Sondaggi elettorali, per il Termometro il PD scende al 18,6%

È il nostro Termometro Politico l’istituto che si dimostra il più importante produttore di minority report questa settimana.

Per esempio riguardo il PD, visto solo al 18,6%, l’1,7% più in basso rispetto alla media del 21,3%.

Ma anche in relazione alla Lega, stimata al 35,3% al di sopra del livello delle europee, e molto sopra il 31,7% medio degli altri istituti.

Sondaggi TP: Italia Viva al 5,5%. PD si sposta a sinistra

Dal lato opposto, almeno per la Lega, c’è Ixè, che la vede sotto al 30%, al 29,9%.

Ixè è invece generosa verso il Movimento 5 Stelle.

I minority report su M5S, Italia Viva, Forza Italia, Fratelli d’Italia

Ixè infatti stima il partito di Di Maio al 21,5%, è il valore più alto per il movimento in media stimato al 19,7%

Venendo a Forza Italia spicca il 5,1% calcolato da Swg. È il livello più basso, probabilmente un record visto anche che la media dei sondaggi elettorali per il partito di Berlusconi è del 6,6%.

È anche l’unico istituto che vede il partito di Berlusconi più debole di quello di Renzi, al 5,4%. È questa, insieme a quella del Termometro, che parla di un 5,5%, anche la stima migliore per Italia Viva

sondaggi elettorali

Fratelli d’Italia è ormai quasi sempre più forte di Forza Italia, e in particolare per IPSOS, l’istituto più generoso con il partito di Giorgia Meloni, stimato all’8,9%, contro una media del 7,5%. Solo per Piepoli e Tecnè il sorpasso su Forza Italia ancora non è avvenuto.

Autore: Gianni Balduzzi

Editorialista di Termometro Politico, esperto e appassionato di economia, cattolico- liberale, da sempre appassionato di politica ma senza mai prenderla troppo seriamente. "Mai troppo zelo", diceva il grande Talleyrand. Su Twitter è @Iannis2003
Tutti gli articoli di Gianni Balduzzi →