Pubblicato il 09/10/2019 Ultimo aggiornamento: 10 Ottobre 2019 alle 22:21

Il PC scende in piazza a Roma. Le dichiarazioni esclusive di Marco Rizzo

autore: Alessandro Faggiano
Il PC scende in piazza a Roma. Le dichiarazioni esclusive di Marco Rizzo
Il PC scende in piazza a Roma. Le dichiarazioni esclusive di Marco Rizzo

Il PC scende in piazza a Roma. Le dichiarazioni di Marco Rizzo

È stata una delle manifestazioni più attese della scorsa settimana. Il Partito Comunista, guidato dal segretario Marco Rizzo, ha chiamato a raccolta i suoi militanti per una manifestazione in piazza SS. Apostoli a Roma. Il 5 ottobre, migliaia di persone – tra sostenitori del PC e simpatizzanti – sono scese in piazza per dire no al nuovo esecutivo.

Il segretario del PC Marco Rizzo ha parlato di fronte a una platea gremita, criticando sia l’attuale governo giallorosso (che, sottolinea, “non ha nulla di rosso”), sia le politiche comunitarie.

Le critiche di revisionismo

Forti critiche per l’equiparazione dei regimi comunisti e fascisti: proposta passata ai voti all’Europarlamento e sostenuta anche dai socialisti europei. La proposta mirava alla creazione di una giornata del ricordo per tutte le vittime dei regimi totalitari europei (indipendentemente dai tratti ideologici). Tuttavia, l’accostamento tra fascismo e comunismo è stato pressoché immediato, grazie anche a quello che potrebbe essere definito un processo di revisionismo storico. Nella risoluzione si afferma, infatti, che il patto stipulato tra nazisti e sovietici (conosciuto anche come Ribbentrop-Mólotov) nel 1939 fosse la causa diretta dello scoppio della Seconda guerra mondiale.

Il PC scende in piazza a Roma. Le dichiarazioni esclusive di Marco Rizzo
Fonte: partitocomunista. Il PC scende in piazza a Roma. Le dichiarazioni esclusive di Marco Rizzo.
Il PC scende in piazza a Roma. Le dichiarazioni esclusive di Marco Rizzo
Fonte: partitocomunista. Il PC scende in piazza a Roma. Le dichiarazioni esclusive di Marco Rizzo.

Manifestazione PC Roma, parla Marco Rizzo: “unica vera opposizione è comunista”

Ecco le dichiarazioni in esclusiva del segretario del Partito Comunista, Marco Rizzo, a Termometro Politico.

“La manifestazione del 5 ottobre ha lanciato un messaggio chiaro ed inequivocabile: l’opposizione al governo M5S-PD-LeU non appartiene alla destra, che condivide con il PD le responsabilità delle politiche antipopolari condotte in questi anni; al contrario, l’unica vera opposizione a questo governo in favore delle classi lavoratrici può essere condotta con coerenza e determinazione soltanto dai comunisti. Per questo migliaia di militanti si sono riversati a Roma, promettendo di dare battaglia all’ennesimo governo espressione dei poteri economici contro il popolo e condannando la risoluzione europea che ha equiparato comunismo e fascismo, la quale ha visto destra e sinistra borghesi unirsi nel nome dell’anticomunismo. Inoltre, il 5 ottobre in piazza non c’erano soltanto militanti comunisti, ma tanti lavoratori, molti dei quali coinvolti in vertenze e a rischio di perdere il proprio posto di lavoro. Anche loro hanno voluto unire la propria voce alla nostra, e questo ci onora. È un nostro privilegio, che i nostri nemici non avranno mai”.

Autore: Alessandro Faggiano

Caporedattore di Termometro Sportivo e Termometro Quotidiano. Analista politico e politologo. Laureato in Relazioni Internazionali presso l'Università degli studi di Salerno e con un master in analisi politica conseguito presso l'Universidad Complutense de Madrid (UCM).
Tutti gli articoli di Alessandro Faggiano →