Decreto fiscale 2020: testo in Gazzetta Ufficiale, quando entra in vigore

Pubblicato il 29 Ottobre 2019 alle 18:44 Autore: Giuseppe Spadaro

Decreto fiscale 2020: pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 26 ottobre la data di entrata in vigore è il 27 ottobre ma molte delle misure partiranno nel 2020.

Decreto fiscale 2020 – Il decreto fiscale è stato pubblicato nei giorni scorsi in Gazzetta Ufficiale. Si tratta del Decreto Legge 26 ottobre 2019, n. 124 avente ad oggetto le “Disposizioni urgenti in materia fiscale e per esigenze indifferibili”. Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale – Serie generale n. 252 la data di entrata in vigore è il 27 ottobre 2019. Ovvero all’indomani della pubblicazione sulla stessa Gazzetta Ufficiale.

Decreto fiscale 2020 per un totale di 60 articoli

C’è tuttavia da fare un distinguo tra la data di entrata in vigore del decreto e l’effettiva partenza delle misure inserite nel decreto le cui norme, per la maggior parte, saranno attive a partire dal nuovo anno, ovvero dall’1 gennaio 2019. In totale il decreto fiscale 2020 si compone di 60 articoli. Il decreto segue la deliberazione del Consiglio dei ministri, adottata nella riunione del 15 ottobre 2019. Sono 5 le parti in cui si dividono i 60 articoli.

Nel Capo I (dal primo al ventitreesimo articolo) ci sono misure di contrasto all’evasione fiscale e contributiva ed alle frodi fiscali. Nel Capo II (dal ventiquattresimo articolo al trentunesimo) ci sono Disposizioni in materia di giochi. Mentre al Capo III Ulteriori disposizioni fiscali

Il Capo IV si compone di un solo articolo (trentanovesimo) ed è relativo alle Modifiche della disciplina penale in materia tributaria e della responsabilità amministrativa degli enti nella stessa materia. Infine l’ultima parte, ovvero il Capo V (dal quarantesimo al sessantesimo articolo), contiene Ulteriori disposizioni per esigenze indifferibili

Lotta all’evasione, soglia massima di contanti con abbassamento graduale sino a 1.000 euro dal 2022

L’articolo 18 del decreto conferma tutte le indiscrezioni sulla diminuzione della soglia consentito per l’utilizzo del contante. Si andrà incontro ad un abbassamento graduale. In pratica dall’attuale tetto massimo di 3.000,00 euro si passerà decorrere dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021 alla cifra di 2.000  euro. Inoltre a decorrere dal 1° gennaio 2022, il predetto divieto e la predetta soglia sono riferiti alla cifra di 1.000 euro.

L’articolo successivo del decreto, il numero 19, affronta un altro argomento molto citato: l’esenzione fiscale dei premi della lotteria nazionale degli scontrini ed istituzione di premi speciali per il cashless. In sostanza per incentivare l’utilizzo di strumenti di pagamento elettronici da parte dei consumatori il decreto istituisce premi speciali da attribuire mediante  estrazioni aggiuntive ai soggetti effettuano transazioni attraverso strumenti che consentano il pagamento  elettronico.

Il decreto contiene molte altre misure consultabili di seguito.

Decreto Fiscale – Qui il documento completo pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Giuseppe Spadaro

Direttore Responsabile di Termometro Politico. Iscritto all'Ordine dei Giornalisti (Tessera n. 149305) Nato a Barletta, mi sono laureato in Comunicazione Politica e Sociale presso l'Università degli Studi di Milano. Da sempre interessato ai temi sociali e politici ho trasformato la mia passione per la scrittura (e la lettura) nel mio mestiere che coltivo insieme all'amore per il mare e alla musica.
Tutti gli articoli di Giuseppe Spadaro →