Diritto di abitazione e pignoramento: è consentito dalla legge?

Pubblicato il 7 Novembre 2019 alle 16:39 Autore: Claudio Garau
Diritto di abitazione e pignoramento: è consentito dalla legge?

Il diritto di abitazione – nel gergo del diritto civile – è definito “diritto reale di godimento su cosa altrui” ed è disciplinato dall’articolo 1024 e seguenti del Codice Civile. Non essendo diritto di scarsa applicazione pratica, chiediamoci allora se tale diritto può essere pignorato, alla luce della normativa in materia.

Se ti interessa saperne di più su natura e funzione del diritto di abitazione e come non confonderlo con l’affitto, clicca qui.

Diritto di abitazione e applicazioni pratiche

Le applicazioni pratiche del diritto di abitazione di una casa altrui non sono, in verità, rare. Pensiamo ad esempio al caso ricorrente del giudice che pronuncia il divorzio e assegna la casa di proprietà di un coniuge, all’altro coniuge perché affidatario della prole in minore età. Altra ipotesi diffusa è quella del diritto spettante al coniuge superstite, ovvero vedovo o vedova rispetto alla moglie o marito deceduti (e ciò nonostante la proprietà possa essere stata trasferita ad altri come i figli). In ipotesi meno frequenti, il diritto di abitazione può essere disposto per contratto o anche per testamento, anche se la prassi ci insegna che i contraenti generalmente preferiscono optare per locazione o comodato.

Come vediamo, il tale diritto – sebbene ai più probabilmente poco conosciuto – ha diverse applicazioni pratiche. Si tratta infatti di un diritto di sicura rilevanza, in quanto consente di utilizzare una proprietà altrui come alloggio, per i bisogni e necessità del titolare del diritto e della sua famiglia. Appare allora necessario capire se è ammesso un eventuale pignoramento di esso.

Se ti interessa saperne di più sulla differenza tra comodato e locazione e come non fare confusione, clicca qui.

È possibile il pignoramento?

Ebbene, la risposta da darsi alla domanda è negativa: il diritto di abitazione non può essere pignorato. Infatti, nell’apparato di norme civilistiche legate all’espropriazione, non è rintracciabile l’ipotesi del pignoramento di tale diritto. Infatti, il codice civile all’art.  2810 c.c.,  pone che i diritti reali minori, quindi anche il diritto di abitazione, non fanno parte di quelli ipotecabili. Pertanto la vedova che ottiene il diritto di abitazione e l’eredità lasciata dal marito defunto – e con essa la mole di debiti accumulata dal coniuge – non rischia nulla. E non rischia neanche la persona debitrice ed assegnataria della casa come abitazione per sè e per la prole affidata, in caso di divorzio.

Anche la giurisprudenza ha più volte ribadito l’impignorabilità del diritto in esame; tuttavia occorre distinguere: l’abitazione oggetto di abitazione, può essere invece pignorata dai creditori. Il caso è quello – frequentissimo – dei debiti non saldati del proprietario. Infatti, se il tale diritto non è pignorabile, può esserlo il bene, ovvero la casa oggetto di diritto di abitazione. In queste circostanze, è chiaro che emerge un contrasto tra titolare del diritto di abitazione e creditori del proprietario dell’immobile. La legge sancisce che per risolvere la questione, prevale chi per per primo ha trascritto il proprio diritto. In altre parole, la casa è pignorabile ma l’eventuale aggiudicatario all’asta giudiziale non potrà appropriarsi concretamente del bene sino a che il diritto di abitazione non sia terminato, se quest’ultimo è stato trascritto nei registri immobiliari prima della trascrizione del pignoramento stesso. Se, invece, tale diritto non è stato trascritto dall’interessato o è stato fatto dopo la trascrizione del pignoramento, il titolare di tale diritto nulla potrà conto le legittime pretese dei creditori, che prevarranno.

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Claudio Garau

Laureato in Legge presso l'Università degli Studi di Genova e con un background nel settore legale di vari enti e realtà locali. Ha altresì conseguito la qualifica di conciliatore civile. Esperto di tematiche giuridiche legate all'attualità, cura l'area Diritto per Termometro Politico.
    Tutti gli articoli di Claudio Garau →