Canone Rai 2000-2010: debiti cancellati sotto i 1000 euro, la legge

Pubblicato il 8 Novembre 2019 alle 10:07
Aggiornato il: 9 Novembre 2019 alle 19:18
Autore: Daniele Sforza
Canone Rai 2000-2010 debiti cancellati
Canone Rai 2000-2010: debiti cancellati sotto i 1000 euro, la legge

Circa un anno fa abbiamo parlato spesso della sanatoria che cancellava i debiti esattoriali di importo inferiore ai 1.000 euro per le cartelle notificate tra il 2000 e il 2010. La cancellazione del debito è avvenuta automaticamente entro il 31 dicembre 2018, senza il bisogno di fare alcuna richiesta da parte dell’interessato. In questo articolo abbiamo anche spiegato come verificare se il proprio debito è stato definitivamente cancellato. Ebbene, torniamo sul discorso perché nella sanatoria rientra anche il canone Rai. Sulla questione si è pronunciata la Corte di Cassazione con la sentenza n. 28369/2019 dello scorso 5 novembre.

Canone Rai 2000-2010: cancellazione automatica, la sentenza della Cassazione

Con tale sentenza, infatti, la Corte di Cassazione ha decretato che nella sanatoria rientra anche il canone Rai trattando un caso specifico nel quale, al soggetto che aveva fatto ricorso, era stato imposto un fermo amministrativo proprio per via dei debiti contratti dai canoni non pagati. Si ricorda che il Decreto Fiscale che ha previsto la misura lo scorso anno prevede che i debiti con importo fino a 1.000 euro (nella somma sono compresi gli interessi, le sanzioni e la quota capitale) per le cartelle esattoriali affidati agli agenti della riscossione tra il 1° gennaio 2000 e il 31 dicembre 2010 sono cancellati in automatico. Pertanto chi riceve una ulteriore sanzione per un debito non pagato e notificato in cartella entro quel decennio, deve sapere che quella sanzione risulta illegittima. Nel caso specifico trattato dalla Cassazione, l’importo ammontava a 831,33 euro e riguardava una cartella notificata nel 2001 relativa a un debito causato dal mancato pagamento del canone Rai 1999.

Annullamento debiti 2000-2010: attenzione alla data

Come scrive La Legge Per Tutti, è vero che la norma non esplicita chiaramente il canone Rai nell’elenco dei tributi cancellabili, ma di fatto “la pace fiscale è di applicazione generale e non consente deroghe in base alla natura del tributo iscritto a ruolo”. L’unica cosa a cui bisogna prestare attenzione è la data, non del mancato pagamento ma della notifica della cartella esattoriale. Come abbiamo visto sopra, infatti, il debito appartiene al 1999 ma la cartella è stata notificata nel 2001, quindi rientra nel decennio preso in esame dalla norma. Al tempo stesso, se il debito è contratto nel 2009 ma la cartella è notificata nel 2011, questo non subirà la cancellazione automatica.

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →