Poste Italiane: buoni fruttiferi postali serie O, le differenze di rendimento

Pubblicato il 15 Novembre 2019 alle 12:32
Aggiornato il: 16 Novembre 2019 alle 16:14
Autore: Guglielmo Sano
Soldi risparmiati

Poste Italiane: buoni fruttiferi postali serie O, le differenze di rendimento

Poste è spesso al centro di controversie che riguardano i buoni fruttiferi postali; ai sottoscrittori, cui non vengono riconosciuti i rendimenti promessi originariamente dai titoli, i tribunali hanno dato ragione in numerosi casi.

Buoni fruttiferi postali: rendimento dimezzato, i casi di rimborso

Poste Italiane: i buoni fruttiferi di serie O

Nonostante le diverse sentenze che condannano Poste a riconoscere gli interessi per come sono riportati sul retro dei buoni fruttiferi, in particolare quelli di alcune serie, la politica dell’azienda non sembra essere cambiata negli ultimi anni. Dunque, i sottoscrittori dei titoli di risparmio che non si vedono riconoscere i rendimenti per come riportati nelle tabelle apposte sui buoni stessi dovranno necessariamente rivolgersi a un avvocato per far valere le proprie ragioni.

Purtroppo però, per quello che attiene ai buoni fruttiferi di serie O, emessi tra il luglio del 1983 e il giugno del 1984, i pronunciamenti dell’Arbitrato bancario finanziario non sono stati mai particolarmente favorevoli ai sottoscrittori, almeno finora. Il problema è sempre lo stesso, come molti titolari di buoni sanno, il decreto del Ministero del Tesoro che dal mese di giugno 1986 ha imposto un ridimensionamento dei rendimenti in modo retroattivo.

WT:social: cos’è e come funziona il social network contro le fake news

La sentenza che “blinda” Poste

A chiudere, in pratica, definitivamente o quasi, la porta a chi ha sottoscritto buoni fruttiferi emessi prima del 1986 l’ormai nota sentenza emessa dalla Cassazione l’11 febbraio 2019. In essa, gli ermellini hanno stabilito come Poste e quindi lo Stato abbia completa legittimità nel variare i tassi interessi dei buoni via decreto ministeriale e in maniera retroattiva. Ciò in base alle norme contenute del Codice Postale del 1973 il quale, però, poi è stato modificato nel 1999.

In quell’occasione la possibilità di modificare i tassi di interesse retroattivamente è stata abrogata, dunque, i sottoscrittori di buoni emessi tra il 1986 e il 1999 hanno ottime possibilità di vedersi riconoscere i rendimenti per come riportati sui titoli. D’altra parte, per chi ha un buono emesso prima del 1986, le possibilità di ottenere un rimborso sono praticamente nulle.

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →