Pensioni ultime notizie: Quota 100 va riequilibrata, parla Baretta

Pubblicato il 21 Novembre 2019 alle 07:00
Aggiornato il: 22 Novembre 2019 alle 20:22
Autore: Daniele Sforza
Pensioni ultime notizie: Quota 100 va riequilibrata
Pensioni ultime notizie: Quota 100 va riequilibrata, parla Baretta

Intervistato dal quotidiano Il Foglio, il sottosegretario al Ministero dell’Economia e delle Finanze Pier Paolo Baretta ha parlato di Quota 100. La misura di pensione anticipata, che scadrà il 31 dicembre 2021, è al centro delle discussioni politiche più recenti, con Italia Viva che è il partito che più si oppone a tale misura, proponendone l’abolizione per una ridistribuzione delle risorse più efficace, soprattutto verso la riduzione delle tasse del lavoro.

Pensioni ultime notizie: Quota 100 non verrà cancellata

Tuttavia, secondo l’opinione prevalente all’interno della maggioranza di governo, sarà difficile cancellare Quota 100, perché una sua abolizione andrebbe a creare più problemi che vantaggi. Innanzitutto creerebbe nuovi esodati, ma è anche vero che quando la misura scadrà ci sarà un altro problema, quello dello scalone. Così, chi maturerà i requisiti a partire dal 1° gennaio 2022, dovrà attendere altri 5 anni per uscire dal mondo del lavoro e avere accesso alla pensione.

Pensioni ultime notizie: Quota 100 modificata nel 2021? Le ultime notizie

Di Quota 100, dicevamo, ha parlato anche il sottosegretario al MEF, Pier Paolo Baretta, non escludendo modifiche nel 2021, alla luce dei diversi emendamenti presentati. Nel 2020, comunque, non ci sarà alcuna novità in merito. “Riequilibrare la Manovra non è facile”, ha affermato, “anche in virtù del fatto che su tabacchi e giochi abbiamo già ottenuto il massimo, senza che nessuno protestasse”. Delle modifiche su Quota 100 si potrà continuare a discutere, però. “Un ripensamento di Quota 100 può essere auspicabile”, ha precisato, “forse perfino necessario”. Non ci sarà comunque una cancellazione, visto che l’estinzione della misura è prevista tra 2 anni. “Si può però pensare a una riduzione delle finestre per il 2021: ci sono degli emendamenti che vanno in questa direzione che sono da valutare con grande considerazione”. Insomma, un ripensamento su Quota 100 nel 2021 potrebbe aiutare a ridefinire il quadro generale, ma su questo tema è preferibile “discuterne al MEF prima che parlarne sui giornali”.

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →