Omicidio Sacchi: obbligo di presentazione per la fidanzata, i fermati

Pubblicato il 29 Novembre 2019 alle 16:29
Aggiornato il: 30 Novembre 2019 alle 17:55
Autore: Guglielmo Sano
Gazzella carabinieri
Omicidio Sacchi: obbligo di presentazione per la fidanzata, i fermati

Emergono nuovi dettagli nelle indagini sull’omicidio Sacchi. Nella mattinata di oggi, venerdì 29 novembre 2019, sono scattate 5 misure cautelari: per la ragazza di Luca, il ragazzo ucciso, è stato disposto l’obbligo di firma.

Elezioni regionali Emilia Romagna 2020: sondaggi, candidati e data

Svolta nelle indagini relative all’omicidio di Luca Sacchi: il 24enne è stato ucciso nella notte tra il 23 e il 24 ottobre davanti al pub John Cabot del quartiere romano di Appio Latino in circostanze ancora non del tutto chiare. Nello zaino della sua ragazza, Anastasia Kylemnyk, si trovavano 70mila euro – di cui ancora non è stata appurata la provenienza – secondo i magistrati titolari delle indagini e dunque non una ben più modica somma (2mila euro) come inizialmente sostenuto dalla ragazza: l’ingente quantità di denaro le sarebbe servita per acquistare 15 chilogrammi di droga, nello specifico, marijuana.

Anastasia “ha agito con freddezza e professionalità nella gestione della trattativa” precisa il Gip nell’ordinanza di custodia cautelare con cui è stato disposto per lei l’obbligo di firma per spaccio.

Almeno per il momento, invece, i riscontri non hanno evidenziato un eventuale coinvolgimento – ma nemmeno la semplice consapevolezza – di Luca nei fatti che ne causarono la morte in quella tragica notte di oltre un mese fa: “si è trattata di una rapina sfociata in omicidio – ha precisato sempre il Gip – Del Grosso e Pirino sono scesi da un’auto e si sono diretti verso la coppia, armati uno di mazza di ferro e l’altro di una pistola”. Pirino avrebbe aggredito Anastasia, quindi, Sacchi sarebbe intervenuto riuscendo ad avere la meglio: a quel punto Del Grosso gli ha sparato un colpo alla nuca da un paio di metri di distanza.

Luca Sacchi: fidanzata, ecco chi è Anastasia e punti delle indagini

In totale sono 5 le misure cautelari

La fidanzata di Luca Sacchi è l’unica tra i fermati a non essere in carcere. Tra gli altri destinatari delle misure cautelari, naturalmente, Valerio Del Grosso e Paolo Pirino: per i due sono state formalizzate le accuse di concorso in omicidio pluriaggravato, rapina aggravata, detenzione illegale e porto in luogo pubblico di arma comune. Secondo gli inquirenti, i due sarebbero dei “fattorini”, in pratica, dovevano solo consegnare la droga: tuttavia, alla vista dei 70mila euro, avrebbero pensato di rapinare la ragazza e tenersi la droga.

Le manette sono arrivate anche per Marcello De Propris, amico dei due, che gli avrebbe fornito la pistola, non ancora trovata, e Giovanni Princi, amico di Luca Sacchi che avrebbe condotto la trattativa sull’acquisto di droga con Del Grosso e Pirino insieme ad Anastasia Kylemnyk.

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →