Junior Cally a Sanremo 2020 con No grazie: significato e testo

Pubblicato il 5 Febbraio 2020 alle 15:29 Autore: Ignazio Rotolo

Finito nell’occhio del ciclone a causa del testo di una sua precedente canzione, il rapper Junior Cally è uno dei partecipanti…

Junior Cally a Sanremo 2020 con No grazie significato e testo
Junior Cally a Sanremo 2020 con No grazie: significato e testo

Finito nell’occhio del ciclone a causa del testo di una sua precedente canzione, il rapper Junior Cally è uno dei partecipanti nella categoria dei big della 70a edizione del Festival di Sanremo.

Di seguito andiamo a conoscere il testo e il significato della canzone portata in gara sul palco del Teatro Ariston.

LEGGI LE NOTIZIE DEL TERMOMETRO QUOTIDIANO

No grazie: contro il razzismo, contro la politica

Con il brano No grazie, Junior Cally sembra prendere una posizione contro il razzismo e il populismo, non mancando di incastrare alcuni evidenti riferimenti politici. Con questo brano, infatti, Cally attacca con rabbia la politica e il suo atteggiamento demagogico, non mancando di inveire facendo riferimento al rancore da web che aleggia nei social.

Se con questa canzone l’artista è probabilmente riuscito a farsi perdonare da una parte dell’audience, d’altra parte è stata messa in discussione la sua partecipazione al Festival, visto il peso del suo testo.

No grazie: ecco il testo della canzone di Junior Cally

Non ho i superpoteri
Ma tra tutti riconosco
Chi fa la voce grossa
Sempre e solo di nascosto
Dovrei puntare il dito contro
E fare il populista
Non fare niente tutto il giorno
E proclamarmi artista
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
Ogni mattina
Avrà l’oro in bocca
Finché ho i soldi nascosti nel letto
Con la resistenza
Alla dittatura
Del politicamente corretto
Il mio sogno è quello di arrivare in alto
Senza spendere i soldi di un altro
Faccio cattivo viso
A buon gioco
E anche se sono bello
Non piaccio
Non ho i superpoteri
Ma tra tutti riconosco
Chi fa la voce grossa
Sempre e solo di nascosto
Dovrei puntare il dito contro
E fare il populista
Non fare niente tutto il giorno
E proclamarmi artista
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
Spero si capisca che odio il razzista
Che pensa al Paese ma è meglio il mojito
E pure il liberista di centro sinistra che perde partite e rifonda il partito
Si chiedono “questo da dov’è uscito?”
Dal terzo millennio col terzo dito
Parlare di eccesso non è eccessivo
Sono il fuori programma televisivo
Non ho i superpoteri
Ma tra tutti riconosco
Chi fa la voce grossa
Sempre e solo di nascosto
Dovrei puntare il dito contro
E fare il populista
Non fare niente tutto il giorno
E proclamarmi artista
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
Giuro la smetto con sta storia del rap
Voglio scrivere canzoni d’amore per la mia ex
Trovarmi un lavoro serio e diventare yes man
Insultare tutti sì ma solamente sul web
No grazie
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Ignazio Rotolo

Sono uno studente di Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni. Scrittura e cinema nascono come passioni che spero mi portino da qualche parte in futuro. Se sono qui è anche per questo. “Fai quello che ami e non lavorerai un solo giorno della tua vita”.
    Tutti gli articoli di Ignazio Rotolo →