Come fare video con TikTok e a che serve l’applicazione

Pubblicato il 29 Settembre 2020 alle 07:46 Autore: Lorenzo Annis

Da qualche mese a questa parte, ha cominciato a spopolare in tutto il mondo un nuovo social. Stiamo parlando di TikTok, precedentemente…

Come fare video con TikTok e a che serve l'applicazione
Come fare video con TikTok e a che serve l’applicazione

Da qualche mese a questa parte, ha cominciato a spopolare in tutto il mondo un nuovo social. Stiamo parlando di TikTok, precedentemente conosciuto come musical.ly e nato per mano degli sviluppatori cinesi di ByteDance.

È diventato ormai un vero e proprio fenomeno a livello internazionale, tant’è che nel mese appena concluso di gennaio è stata l’app più scaricata al mondo (giochi esclusi) con oltre 100 milioni di download, il 46% in più rispetto allo stesso periodo del 2019.

Insomma, parliamo di crescite esponenziali per un social diventato virale – come detto – un po’ ovunque nel globo. Tant’è che anche il gruppo Facebook, che detiene anche la proprietà di Instagram, comincia a tremare e sentire la propria leadership nel settore social messa in pericolo.

LEGGI LE NOTIZIE DEL TERMOMETRO QUOTIDIANO

Come funziona TikTok?

Se Snapchat ha avuto sì successo, ma non come ci si sarebbe potuto aspettare, TikTok sembra essere (o probabilmente lo è già) la prima alternativa a Facebook e Instagram.

Ma come funziona esattamente? È molto semplice, sul social è possibile creare e successivamente condividere dei brevi video della durata massima di un minuto. La sua caratteristica è la possibilità di utilizzare della musica come sottofondo dei propri video: proprio grazie a ciò, gli iscritti si lanciano spesso in autentiche coreografie che riescono a diventare virali in brevissimo tempo.

Una volta iscritti, per registrare un video su TikTok è necessario cliccare il tasto apposito [+], consentire l’accesso dell’app a microfono e fotocamera del dispositivo in uso, scegliere gli effetti audio e video che si preferiscono e cominciare la registrazione. Piacciono tanto i video in lip sync, ovvero muovere le proprie labbra a tempo con la canzone scelta. Si può anche modificare la velocità di riproduzione e caricare dei video già presenti in galleria. Non si ha invece la possibilità di inviare file audio e video via messaggio privato.

Visto ciò che offre, TikTok si rivolge prettamente ad un pubblico giovanile (bisogna avere almeno 13 anni) che ama mettersi in mostra. Dunque è sicuramente meno vario rispetto ai sopracitati Facebook, Instagram e anche Snapchat, ma il suo successo dimostra che quello che offre piace tantissimo agli utenti iscritti.

Prossimamente, con molta probabilità l’applicazione si avvicinerà ad Instagram: infatti è previsto un aggiornamento che avvicinerà la sua interfaccia proprio a quella del social di Zuckerberg.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Lorenzo Annis

Nato il 1° luglio del 1996, è nel Termometro Politico dal 2017. Scrive prevalentemente di sport dividendosi tra pallone e pedali, le sue più grandi passioni sportive.
    Tutti gli articoli di Lorenzo Annis →