Certificato veloce tumori per prestazioni Inps in arrivo: come richiederlo

Pubblicato il 12 Febbraio 2020 alle 18:25 Autore: Claudio Garau

Certificato veloce tumori per ricevere le prestazioni assistenziali Inps: ecco i primi dettagli della novità in arrivo e come sarà l’iter di assegnazione.

Certificato veloce tumori per prestazioni Inps in arrivo come richiederlo
Certificato veloce tumori per prestazioni Inps in arrivo: come richiederlo

Si tratta di una notizia recentissima: Inps e la fondazione Policlinico universitario Gemelli di Roma hanno sottoscritto un protocollo sperimentale mirato alla semplificazione delle procedure per il riconoscimento dei benefici e prestazioni assistenziali di invalidità e di handicap, cui hanno diritto coloro che sono affetti da patologie tumorali. L’accordo in oggetto è stato firmato durante la giornata mondiale del malato. Vediamo più nel dettaglio la novità e gli step per richiedere il certificato veloce tumori.

Se ti interessa saperne di più sul caso della malattia non pagata al lavoratore, che tipo di illecito è e come tutelare i propri diritti, clicca qui.

Certificato veloce tumori: quale finalità? da quando?

La citata convenzione è legata alle domande di prestazioni Inps di ambito socio-assistenziale: l’intento è chiaramente quello di agevolare i pazienti e i loro familiari, per quanto attiene al rapido e favorevole esito dell’iter sanitario per l’assegnazione delle prestazioni assistenziali in oggetto.

Tale accordo in pratica permette ai medici che lavorano al Gemelli di rilasciare ai pazienti malati il certificato specialistico oncologico introduttivo, oppure il certificato specialistico pediatrico introduttivo, attraverso cui sono appunto acclarate le infermità invalidanti, in un dialogo immediato con l’Inps, cui fare domanda di invalidità civile. Due i vantaggi pratici di tale novità:

  • saranno gli stessi medici del Gemelli (oncologi e pediatri) a far partire le pratiche di invalidità, alleggerendo il malato dall’onere di sostenere possibili ulteriori esami e accertamenti;
  • è consentito di essere sottoposti proprio al Gemelli alla visita di accertamento della commissione medico legale dell’Inps, il cui esito avrà subito effetto per per il riconoscimento della prestazione assistenziale. Insomma si riducono i tempi dell’iter.

Insomma, il limpido intento è quello della certificazione veloce per agevolare i pazienti, sulla base dell’accordo citato, che sarà di fatto operativo a partire dal prossimo primo marzo.

Se ti interessa saperne di più sullo stress da lavoro, malattia, sintomi e come riconoscerlo legalmente, clicca qui.

Come fare richiesta?

In estrema sintesi, l’iter velocizzato sarà il seguente:

  • stesura del certificato specialistico pediatrico o oncologico da parte dei medici “certificatori” del Policlinico Gemelli;
  • successiva e conseguente presentazione della domanda amministrativa all’Inps per la richiesta e ottenimento di prestazione e del beneficio assistenziale;
  • visita medica domiciliare, entro 15 giorni dall’invio della domanda amministrativa, da parte della suddetta Commissione medica Inps, che andrà al reparto di degenza del Policlinico.

Per quanto attiene alle dettagliate modalità per fare domanda di invalidità, rimandiamo alla sezione del sito Inps, che esaustivamente se ne occupa. Concludendo, vale la pena ricordare le parole del presidente dell’Inps Tridico, il quale ha sostenuto che tale novità comporterà una forte diminuzione dei tempi della burocrazia, con la possibilità di ricevere la prestazione socio-assistenziale in soli 23 giorni, invece che gli attuali 100. È ovvio che questa convenzione di fatto rappresenta un primo passo verso l’estensione della novità a tutte le regioni e strutture ospedaliere della penisola.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Claudio Garau

Laureato in Legge presso l'Università degli Studi di Genova e con un background nel settore legale di vari enti e realtà locali. Ha altresì conseguito la qualifica di conciliatore civile. Esperto di tematiche giuridiche legate all'attualità, cura l'area Diritto per Termometro Politico.
    Tutti gli articoli di Claudio Garau →