Pensioni ultime notizie: parità di genere, le parole della Cgil

Pubblicato il 24 Febbraio 2020 alle 08:24 Autore: Daniele Sforza

Pensioni ultime notizie: la Cgil parla di parità di genere e delle disuguaglianze in materia che si registrano sul tema previdenziale.

Pensioni ultime notizie parità di genere
Pensioni ultime notizie: parità di genere, le parole della Cgil

Sul fronte pensioni ultime notizie riguardano le dichiarazioni della Cgil sulle disuguaglianze nel sistema previdenziale per ciò che concerne la parità di genere. In un convegno dedicato che è stato organizzato dal sindacato a Parma si sono pertanto comunicati numeri sulla cosa, denotando come le donne siano largamente più penalizzate rispetto agli uomini quando si parla di accesso alla pensione.

Pensioni ultime notizie: Cgil, “Donne penalizzate”

Durante l’incontro, la Cgil ha mostrato che la differenza di genere nel sistema pensionistico del nostro Paese è del 16%. Entrando più nel dettaglio, il 52% delle donne “sono beneficiarie di pensioni ma sulla spesa complessiva pesano solo il 44,2%”. Tutta un’altra storia per gli uomini, che percepiscono in media “il 35% in più rispetto a una donna”, mentre il 16% del genere femminile “è in povertà assoluta”.

Pensioni ultime notizie: età contributiva per le donne inferiore rispetto agli uomini, ecco perché

Da questi numeri si evince evidentemente che urge una soluzione al problema. Il segretario confederale della Cgil Roberto Ghiselli ha affermato che “le donne sono fortemente penalizzate dall’attuale sistema normativo e si troveranno condannate ad andare in pensione oltre i 70 anni e con oltre 45 anni di contributi”. Ciò significa che bisogna agire in tal senso per evitare disparità di genere e problematiche gravi in futuro. Ghiselli, portavoce del sindacato sul tema, ha quindi richiesto “che vengano riconosciuti tutti quei lavori oggi non retribuiti che rientrano nella sfera di cura”.

Parità di genere e pensioni: se ne parlerà il 13 marzo

La parità di genere sarà uno dei temi caldi e centrali dell’incontro con il governo previsto per il prossimo 13 marzo. La proposta appena formulata, comunque, è già stata avanzata e se ne parlerà tra una ventina di giorni. Le donne hanno un’età contributiva in media attorno ai 25 anni “perché sono costrette a conciliare il lavoro con il loro lavoro di cura per figli o familiari. Inoltre hanno trattamenti pensionistici molto inferiori rispetto agli uomini”. Da qui è necessario “valorizzare meglio il lavoro femminile”, perché “fare regole uguali tra situazioni di partenza molto diverse crea maggiore disuguaglianza”.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →