L’ultimo sport “immune” dal coronavirus. Al via il torneo dei candidati

Pubblicato il 17 Marzo 2020 alle 10:42
Aggiornato il: 25 Marzo 2020 alle 23:35
Autore: Alessandro Faggiano

Oggi, 17 marzo, comincia il torneo dei candidati per il titolo mondiale di scacchi. È uno degli ultimi grandi eventi mondiali non sospesi per il coronavirus

L'ultimo sport "immune" al coronavirus. Al via il torneo dei candidati
L’ultimo sport “immune” al coronavirus. Al via il torneo dei candidati

In quasi tutto il mondo, i principali eventi sportivi – quelli seguiti a livello globale da un gran numero di persone – sono stati annullati o quantomeno posticipati. Una delle rarissime eccezioni ai tempi della pandemia da Covid-19 è il torneo dei candidati per il titolo mondiale di scacchi. Il torneo – che si tiene ormai ogni due anni – include, di norma, 8 dei migliori giocatori del pianeta (fatta eccezione, ovviamente, per il campione del mondo, il norvegese Magnus Carlsen). Nella terminologia scacchistica, il torneo è però molto più simile a un campionato: si tratta, infatti, di una lunga corsa di 14 partite a tempo regolamentare (100 minuti + 30 secondi d’incremento a mossa, con bonus di 50 minuti al 30esimo movimento e di altri 15 al 50esimo).

Clicca qui per tutte le ultime notizie sull’epidemia da covid in Italia e nel mondo

Torneo dei candidati a Mosca: sotto l’egida del braccio destro di Putin, sfidando il coronavirus

Nonostante i timori legati alla pandemia, la federazione internazionale di scacchi (FIDE) ha deciso di evitare qualsiasi posticipo o eventuale annullamento dell’evento. Il torneo dei candidati si celebra a Mosca, sotto l’egida dello storico braccio destro di Vladimir Putin: Arkadij Vladimirovič Dvorkovic. Quest’ultimo è stato il responsabile dell’organizzazione del Mondiale in Russia del 2018 e, fino a quell’anno, vice-primo ministro di Medvedev. Dopo il successo ottenuto con la massima competizione calcistica del pianeta, Dvorkovic è arrivato alla presidenza della FIDE proprio nella seconda metà del 2018, spodestando il connazionale Kirsan Nikolaevič Iljumžinov e vincendo le elezioni contro il greco Makropoulos (per allora vice-presidente FIDE e sostenuto dalle principali federazioni europee).

A distanza di mezzo secolo dalla sfida del secolo tra Bobby Fischer (USA) e Boris Spassky (URSS) giocata nel lontano 1972 a Reykjavík (Islanda), il dominio sulla scacchiera rimane un simbolo di supremazia intellettiva e culturale. Oggi, 17 marzo 2020, alla sfida sulla scacchiera si aggiunge quella relativa alla macchina organizzativa. A detta delle fonti ufficiali russe, il Paese non è stato colpito dall’epidemia di Covid-19 e, pertanto, non c’è rischio per giocatori, tecnici o giornalisti. Un azzardo che suona come un all-in da parte dei russi: qualora non si rilevassero casi di Covid-19 tra i presenti, si potrebbe parlare del torneo dei candidati 2020 come l’unico grande evento globale dell’anno rimasto “al sicuro” dal coronavirus.

Chi sono gli otto partecipanti al torneo dei candidati del 2020. Radjabov si è ritirato per paura al coronavirus

Gli otto partecipanti al più importante torneo di scacchi dopo il campionato del mondo (che si terrà l’anno prossimo tra il campione Magnus Carlsen e il vincitore del torneo dei candidati) arrivano da tutte le parti del mondo.

In pole position troviamo l’italo-statunitense Fabiano Caruana, già vincitore dell’ultimo torneo dei candidati (2018) e secondo giocatore al mondo per ELO FIDE (2842).

L’altro gran favorito è il cinese Ding Liren. Con Carlsen e Caruana, è l’unico giocatore al mondo in attività a superare i 2800 punti ELO (2805). Liren rappresenta la gran speranza della terra del dragone e viene visto, da molti, come la minaccia più seria per Magnus Carlsen. Liren dovrà vedersela anche con il connazionale Wang Hao (ELO 2758).

La Cina è il secondo Paese più rappresentato al torneo dei candidati. In prima posizione troviamo la Russia, che porta il già esperto Alexander Grischuk (2777), Ian Nepomniachtchi (2774) e Kirill Alekseenko (2704). I primi due – in particolare “Nepo” – possono ambire alla vittoria finale. Alekseenko, invece, sembra essere la “vittima sacrificale” di questo torneo, risultando di gran lunga lo sfidante meno solido ed esperto tra gli otto in gara.

Si chiude con gli unici due rappresentanti europei: da un lato, l’olandese Anish Giri (2763); dall’altro, il forte francese Maxime Vachier-Lagrave (2770). Proprio Vachier-Lagrave è subentrato al vincitore della Coppa del Mondo, l’azero Teimour Radjabov. Quest’ultimo ha rinunciato alla partecipazione al torneo dei candidati per paura dell’epidemia da coronavirus e ha accusato la FIDE di mancanza di responsabilità.

Il commento sulla pagina ufficiale della FIDE

Nonostante la pandemia da coronavirus stia bloccando il mondo intero, l’evento più atteso dell’anno per gli scacchisti comincia oggi. A commentarlo, in inglese e dalla pagina ufficiale della FIDE, ci sarà il gran maestro inglese Nigel Short, accompagnato dalla scacchista donna più forte di tutti i tempi: Judith Polgar. Ci saranno ritrasmissioni e analisi degli incontri in tutte le lingue, sia su YouTube, sia sui principali siti scacchistici (come Chess.com e Lichess).

Il calendario del torneo dei candidati 2020

R 01 (17 marzo 2020)
Vachier-Lagrave – Caruana
Ding Liren – Wang Hao
Giri – Nepomniachtchi
Grischuk – Alekseenko

R 02 (18 marzo 2020)
Caruana – Alekseenko
Nepomniachtchi – Grischuk
Wang Hao – Giri
Vachier-Lagrave – Ding Liren

R 03 (19 marzo 2020)
Ding Liren – Caruana
Giri – Vachier-Lagrave
Grischuk – Wang Hao
Alekseenko – Nepomniachtchi

R 04 (21 marzo 2020)
Caruana – Nepomniachtchi
Wang Hao – Alekseenko
Vachier-Lagrave – Grischuk
Ding Liren – Giri

R 05 (22 marzo 2020)
Giri – Caruana
Grischuk – Ding Liren
Alekseenko – Vachier-Lagrave
Nepomniachtchi – Wang Hao

R 06 (23 marzo 2020)
Grischuk – Caruana
Alekseenko – Giri
Nepomniachtchi – Ding Liren
Wang Hao – Vachier-Lagrave

R 07 (25 marzo 2020)
Caruana – Wang Hao
Vachier-Lagrave – Nepomniachtchi
Ding Liren – Alekseenko
Giri – Grischuk

R 08 (26 marzo 2020)
Caruana – Vachier-Lagrave
Wang Hao – Ding Liren
Nepomniachtchi – Giri
Alekseenko – Grischuk

R 09 (27 marzo 2020)
Alekseenko – Caruana
Grischuk – Nepomniachtchi
Giri – Wang Hao
Ding Liren – Vachier-Lagrave

R 10  (29 marzo 2020)
Caruana – Ding Liren
Vachier-Lagrave – Giri
Wang Hao – Grischuk
Nepomniachtchi – Alekseenko

R 11 (30 marzo 2020)
Nepomniachtchi – Caruana
Alekseenko – Wang Hao
Grischuk – Vachier-Lagrave
Giri – Ding Liren

R 12 (31 marzo 2020)
Caruana – Giri
Ding Liren – Grischuk
Vachier-Lagrave – Alekseenko
Wang Hao – Nepomniachtchi 

R 13 (2 aprile 2020)
Wang Hao – Caruana
Nepomniachtchi – Vachier-Lagrave
Alekseenko – Ding Liren
Grischuk – Giri

R 14 (3 aprile 2020)
Caruana – Grischuk
Giri – Alekseenko
Ding Liren – Nepomniachtchi
Vachier-Lagrave – Wang Hao

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Alessandro Faggiano

Caporedattore di Termometro Sportivo e Termometro Quotidiano. Analista politico e politologo. Laureato in Relazioni Internazionali presso l'Università degli studi di Salerno e con un master in analisi politica conseguito presso l'Universidad Complutense de Madrid (UCM).
Tutti gli articoli di Alessandro Faggiano →