Reddito di cittadinanza: come avere gli arretrati coi Caf chiusi

Pubblicato il 25 Marzo 2020 alle 15:29 Autore: Eugenio Galioto

Reddito di cittadinanza: come avere gli arretrati coi Caf chiusi per le misure anti-coronavirus. Qualsisi servizio è garantito dai canali online

monete da un euro che cadono verso terra
Reddito di cittadinanza: come avere gli arretrati coi Caf chiusi

A soli due giorni dall’atteso versamento dell’importo mensile del reddito di cittadinanza, sono molti a chiedersi se le misure di lockdown anti-coronvirus comportino un’interruzione del sussidio. Abbiamo fugato ogni dubbio a proposito nel nostro precedente articolo: il reddito di cittadinanza sarà erogato, in modo ordinario, il 27 di ogni mese sulla carta Postepay in dotazione da parte di ciascun beneficiario. Non c’è bisogno, dunque, di fare alcuna fila davanti gli uffici delle Poste Italiane. Con la carta è possibile prelevare in qualsiasi sportello Postamat o altro Atm.

Chi, invece, intende presentare domanda per ottenere il reddito di cittadinanza potrebbe incontrare qualche difficoltà, dal momento che Caf e Patronati sono chiusi per l’emergenza coronavirus. In questi casi, però, sono attivi i canali online.

L’esigenza riguarda anche i beneficiari che intendano accedere alla richiesta dell’Isee corrente o controllare il tracciato degli importi se si è in attesa degli arretrati di febbraio.

Come avere gli arretrati attraverso i canali online

Gli arretrati del reddito di cittadinanza del mese di febbraio 2020, sospese per mancata acquisizione dell’Isee entro i termini previsti (31 gennaio), dovrebbero essere già stati erogati a partire dal 15 marzo.

Sono stati riscontrati casi di famiglie che, nonostante abbiano aggiornato il proprio Isee entro i termini del 31 gennaio, non hanno ancora ricevuto l’accredito di febbraio; ritardi, questi, che sono ragionevolmente dovuti alle restrizioni e limitazioni delle misure anti-coronavirus che comportano una riduzione delle attività operative degli uffici pubblici.

Coloro invece che sono in regola con l’Isee (aggiornato al 31 gennaio 2020) dovrebbero aver già ricevuto, o stanno per ricevere, la quota di febbraio sulla propria carta. In ogni caso, hanno pieno diritto a ricevere gli arretrati.

Dal momento che Caf e Patronati sono chiusi, ogni richiesta o servizio può svolgersi solo attraverso la modalità telematica.

Occorre, dunque, accedere al sito Internet Ufficiale per poi passare al portale dell’Inps, attraverso il servizio SPID. Sul sito dell’INPS, inoltre, è possibile consultare lo stato delle domande e lo storico degli accrediti. Chi deve richiedere il nuovo Isee, invece, può consultare questo link e accedere al servizio telematico.

Un reddito di cittadinanza per tutti?

A proposito dell’Inps, fa discutere la proposta lanciata dal Presidente, Pasquale Tridico, di estendere il reddito di cittadinanza a tutti per far fronte agli effetti dell’epidemia coronavirus sull’economia in crisi. Nel frattempo, chi beneficia del reddito di cittadinanza è esonerato per due mesi dall’assicurare immediata disponibilità al lavoro, poiché le misure anti-coronavirus previste nei decreti del governo rendono impossibile l’inizio di una nuova attività lavorativa da parte di chi fruisce del reddito di cittadinanza.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it