Pin semplificato Inps per bonus 600 euro partita iva. Come richiederlo

Pubblicato il 27 Marzo 2020 alle 19:58 Autore: Giuseppe Spadaro

Pin semplificato Inps: le indicazioni dell’Inps per accedere al bonus 600 euro per le partite iva e alle altre misure previste. Indicazioni e guida.

Banconote in euro
Pin semplificato Inps per bonus 600 euro partita iva. Come richiederlo

Pin semplificato Inps per bonus 600 euro – Coronavirus: le difficoltà di vario genere collegate all’emergenza Covid-19 sono da settimane sotto gli occhi di tutti. L’Italia è messa a dura prova da settimane. Il Governo col decreto Cura Italia ha iniziato concretamente a dare le prime risposte anche sul fronte economico. Diverse le misure messe a disposizione. Per esempio tra queste c’è il bonus di 600 euro, per il mese di marzo, riservato alle Partite Iva. Una misura che ha scatenato polemiche e critiche perché la cifra è ritenuta molto bassa e del tutto insufficiente a far fronte alle conseguenze economiche negative determinate dall’emergenza sanitaria.

Pin semplificato Inps ed il ruolo dell’Istituto di Previdenza

Pienamente coinvolto in tutta quella che sarà da subito l’attivazione delle misure e le modalità di esecuzione è l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale. L’Istituto è chiamato ad un altro compito abbastanza complesso: semplificare al massimo tutte le procedure in modo da poter rendere quanto più possibile accessibili ogni misura introdotta. In una nota l’Inps ha ricordato che il decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18 (cosiddetto “Cura Italia”) ha attribuito proprio all’Istituto il compito di attuare le misure disposte dal Governo a sostegno di famiglie, lavoratori e imprese individuali.

Procedure accessibili solo in modalità telematica

Pin semplificato Inps – Le procedure – ha specificato l’Inps – saranno accessibili esclusivamente in modalità telematica, attraverso l’utilizzo delle credenziali già in possesso degli utenti. Inoltre, per garantire a tutti i cittadini il diritto di accesso alle prestazioni economiche e agli altri servizi individuali con modalità interamente telematiche, l’Istituto ha messo in atto un duplice intervento rivolto a: semplificare la modalità di compilazione e invio on line per alcune delle domande di prestazione per l’emergenza Coronavirus (ex D.L. n. 18/2020); apprestare una nuova procedura di rilascio diretto del PIN dispositivo tramite riconoscimento a distanza.

Con il messaggio n. 1381 del 26 marzo 2020 l’Istituto ha fornito indicazioni in merito: alla Modalità semplificata di compilazione e invio on line di alcune delle domande di prestazione per l’emergenza Coronavirus; alla Nuova procedura di emissione del PIN dispositivo tramite riconoscimento a distanza.

Bonus 600 euro e altre indennità, le indicazioni INPS su cosa fare

Per quanto riguarda la Modalità semplificata di compilazione e invio on line di alcune delle domande di prestazione per l’emergenza Coronavirus con riferimento alle domande relative a: indennità professionisti e lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa; indennità lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell’AGO; indennità lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali; indennità lavoratori del settore agricolo; indennità lavoratori dello spettacolo; bonus per i servizi di baby-sitting.

La modalità semplificata consente ai cittadini di compilare e inviare le specifiche domande di servizio, previo inserimento della sola prima parte del PIN, ricevuto via SMS o e-mail, dopo averlo richiesto tramite portale o Contact Center.

Con riferimento alla sola prestazione “bonus per i servizi di baby-sitting”, nell’ipotesi che la domanda sia stata inoltrata con il PIN semplificato, il cittadino dovrà venire in possesso anche della seconda parte del PIN, al fine della necessaria registrazione sulla piattaforma Libretto di Famiglia e dell’appropriazione telematica del bonus.

Pin semplificato, procedura emissione del PIN

Per quanto riguarda la nuova procedura di emissione del PIN dispositivo tramite riconoscimento a distanza, l’Istituto è prossimo al rilascio di una nuova procedura di emissione del PIN con il riconoscimento a distanza, gestita dal Contact Center, che consentirà ai cittadini di ottenere, in un unico processo da remoto, un nuovo PIN con funzioni dispositive senza attendere gli ulteriori 8 caratteri del PIN che ordinariamente venivano spediti tramite il servizio postale.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Giuseppe Spadaro

Direttore Responsabile di Termometro Politico. Iscritto all'Ordine dei Giornalisti (Tessera n. 149305) Nato a Barletta, mi sono laureato in Comunicazione Politica e Sociale presso l'Università degli Studi di Milano. Da sempre interessato ai temi sociali e politici ho trasformato la mia passione per la scrittura (e la lettura) nel mio mestiere che coltivo insieme all'amore per il mare e alla musica.
Tutti gli articoli di Giuseppe Spadaro →