Pensioni ultima ora: pensione a 1000 euro per due mesi, siglato accordo Inps-Regione Campania

Pubblicato il 18 Maggio 2020 alle 18:25 Autore: Giuseppe Spadaro

Pensioni ultima ora: in Campania per due mesi i pensionati titolari di assegni sociali e pensioni sociali avranno una integrazione sino a 1.000 euro.

Mani con banconote di euro da 10, 20 e 50 che si scambiano da una mano all'altra
Pensioni ultima ora: pensione a 1000 euro per due mesi, siglato accordo Inps-Regione Campania

Pensioni ultima ora – Il dibattito sull’aumento degli assegni pensionistici, soprattutto per le fasce più disagiate è una sorta di evergreen della politica italiana (qui la proposta avanzata qualche tempo da Berlusconi). Nel frattempo si registra in tal senso una iniziativa della Regione Campania che ha messo a punto una misura temporanea grazie alla quale i pensionati titolari di assegni sociali e pensioni sociali che percepiscono dall’INPS un importo mensile inferiore a 1.000 euro riceveranno una integrazione alla pensione.

Pensioni ultima ora, integrazione media di 503 euro

Coloro che ricevono una pensione con cifra inferiore ai 1.000 euro avranno diritto ad una integrazione economica alla pensione per due mesi sino al raggiungimento della stessa soglia. La decisione presa dal presidente della Regione Campania De Luca è volta al sostegno straordinario a favore dei pensionati titolari di pensioni sociali e di assegni sociali. L’importo medio mensile erogato dall’INPS a questi soggetti è pari a 497 euro: pertanto la Regione Campania coprirà mediamente i restanti 503 euro. Il bonus potrà essere utilizzato per alcune spese tra cui i servizi di assistenza socio-sanitaria domiciliare; i servizi a domicilio per la consegna della spesa alimentare, l’acquisto medicinali, commissioni varie; l’acquisto di strumenti informatici o tecnologie per favorirne l’autonomia; l’acquisto di dispositivi igienico sanitari di protezione individuale.

I fondi stanziati

Pensioni ultima ora – I fondi messi a disposizione dalla Regione Campania fanno parte del Piano Socio Economico che ad aprile è stato portato da 600 a 900 milioni di euro col quale saranno finanziate una serie di misure tra cui una forma di Contributo alle famiglie con disabili, il contributo di 2.000 euro alle imprese commerciali, artigiane e industriali, il bonus a professionisti e lavoratori autonomi, il bonus alle aziende agricole e delle pesca. “Con un ulteriore straordinario sforzo nel reperimento di risorse, il fondo per il Piano Socio Economico della Regione Campania è stato portato a 900 milioni di euro. L’incremento di altri 300 milioni in aggiunta ai 600 già stanziati, consentirà di aumentare tutte le pensioni al minimo e gli assegni sociali. Intanto si sta completando il lavoro per la definizione della platea dei beneficiari di tutte le misure di sostegno previste dal Piano della Regione, e per l’attivazione della piattaforma informatica che consentirà di accedere alle stesse”.

L’operazione è stata conclusa negli ultimi giorni. Ecco le parole di De Luca: “Ringrazio il presidente dell’Inps Pasquale Tridico (qui un nostro articolo con brevi cenni biografici sul presidente Inps) per l’elaborazione di questa convenzione per un’operazione di grande valore sociale”.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Giuseppe Spadaro

Direttore Responsabile di Termometro Politico. Iscritto all'Ordine dei Giornalisti (Tessera n. 149305) Nato a Barletta, mi sono laureato in Comunicazione Politica e Sociale presso l'Università degli Studi di Milano. Da sempre interessato ai temi sociali e politici ho trasformato la mia passione per la scrittura (e la lettura) nel mio mestiere che coltivo insieme all'amore per il mare e alla musica.
Tutti gli articoli di Giuseppe Spadaro →