Concorsi ministero giustizia 2020: bandi per 3250 posti in arrivo. I requisiti

Pubblicato il 22 Maggio 2020 alle 14:03
Aggiornato il: 28 Maggio 2020 alle 16:57
Autore: Daniele Sforza

Concorsi ministero Giustizia 2020: ecco gli ultimi aggiornamenti sui bandi in uscita, che prevedono il reclutamento di 3250 figure. Cosa sapere.

Concorsi ministero Giustizia 2020
Concorsi ministero giustizia 2020: bandi per 3250 posti in arrivo. I requisiti

Il Ministero della Giustizia ha fatto sapere che a breve saranno disponibili nuovi bandi di concorso per un reclutamento complessivo di 3.250 persone. Il Decreto Rilancio ha infatti consentito al Ministero di avviare nuove procedure di concorso. Pertanto dovrebbero essere in dirittura d’arrivo 3 diversi bandi. Andiamo a vedere in cosa consistono e come sono ripartiti i posti disponibili.

Concorsi ministero Giustizia 2020: i posti richiesti dai bandi

Il primo dei 3 bandi di concorso indetto dal Ministero della Giustizia è quello più corposo, riservato a 2.700 posti in Area II del personale dell’amministrazione giudiziaria, quindi per cancellieri in Area II/F3. Passando al secondo bando, sono disponibili 400 posti nel ruolo di direttore amministrativo per l’amministrazione giudiziaria Area III/F3. Infine, arrivando al terzo e ultimo bando, c’è quello meno corposo che prevede il reclutamento di 150 figure amministrative Area III/F1 da destinare nelle città di Torino, Bologna, Venezia, Milano e Brescia.

Concorsi ministero Giustizia 2020: 3 bandi in arrivo

I 3 bandi saranno pubblicati entro 3 mesi dalla pubblicazione del Decreto, quindi entro 90 giorni, ovvero entro il mese di agosto. Se il numero delle domande supererà un certo numero, i candidati saranno chiamati ad affrontare una prova preselettiva che poi porterà direttamente a un colloquio orale.

I requisiti richiesti

In attesa della pubblicazione dei bandi e quindi di saperne di più sulle varie modalità, andiamo a vedere quali saranno i requisiti richiesti per partecipare al concorso e candidarsi. Il titolo di studio richiesto è la laurea in Giurisprudenza, ma non per il bando da 2.700 posti, per il quale dovrebbe essere richiesto il diploma di scuola superiore. Tra gli altri requisiti previsti dovrebbe essere richiesto un preciso quantitativo di anni di servizio nell’amministrazione giudiziaria o nella copertura di un ruolo di ricercatore o docente specializzato in materie giuridiche. Per una panoramica più dettagliata sui requisiti richiesti dai singoli 3 bandi di concorso, non ci resta che attendere la loro pubblicazione.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →