Pensioni ultima ora: importo trattenute cedolino a giugno, cosa incide

Pubblicato il 3 Luglio 2020 alle 08:32 Autore: Giuseppe Spadaro

Pensioni ultima ora, charimenti in merito agli assegni pensionistici di giugno. Quali voci possono incidere su assegni più bassi.

Mano con matita su foglio di carta e due schermi di pc
Pensioni ultima ora: importo trattenute cedolino a giugno, cosa incide

Pensioni ultima ora – Gli assegni di giugno potranno essere più bassi a causa dell’impatto sugli stessi delle trattenute di natura fiscale. Ricordiamo che le pensioni sono state pagate l’1 giugno per chi riceve la pensione presso un istituto di credito, mentre per chi si reca personalmente presso gli uffici postali a ritirare la pensione Poste ha approntato un calendario suddiviso per lettere che ha visto a seconda del cognome i pensionati raggiungere le sedi di Poste Italiane SpA tra mercoledì 27 maggio e lunedì 1 giugno per un totale di 5 gruppi (vedi nel dettaglio date e lettere pubblicate sul sito Inps).

Somme conguagliate tra aprile e novembre 2020

Pensioni ultima ora – Tornando al discorso degli importi degli assegni, giugno è tra i mesi in cui vengono trattenute le cifre dei conguagli fiscali derivanti dalle ulteriori operazioni di rideterminazione dei redditi imponibili delle prestazioni erogate nel 2019, per l’emissione della Certificazione Unica 2020. Nel caso in cui l’ IRPEF trattenuta nel 2019 sia risultata inferiore al dovuto su base annua, nel mese di aprile viene effettuata la trattenuta del relativo conguaglio a debito. Nel caso di pensionati con importo annuo lordo complessivo fino a 18mila euro, per i quali il ricalcolo dell’ IRPEF ha determinato un conguaglio a debito di importo superiore a 100 euro, le trattenute vengono effettuate con rate di pari importo fino alla mensilità di novembre (articolo 38, comma 7, legge 30 luglio 2010, n. 122). Le somme conguagliate sono state certificate nella Certificazione Unica 2020.

Pensioni ultima ora, la tassazione

Oltre al debito fiscale c’è la tassazione vera e propria da calcolare in base al reddito. Ricordiamo quali sono le percentuali di calcolo. Ecco come si calcola la tassazione Irpef: 23% per i redditi fino a 15.000 euro; 27% per lo scaglione di reddito da 15.001 fino a 28.000 euro; 38% per lo scaglione di reddito da 28.001 fino a 55.000 euro; 41% per lo scaglione di reddito da 55.001 fino a 75.000 euro; 43% per il reddito oltre 75.000 euro.

E non è tutto. A giugno si verifica l’addebito delle varie rate delle addizionali regionali e comunali. Anche in questo caso la cifra varia da pensionato a pensionato a seconda della base imponibile.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Giuseppe Spadaro

Direttore Responsabile di Termometro Politico. Iscritto all'Ordine dei Giornalisti (Tessera n. 149305) Nato a Barletta, mi sono laureato in Comunicazione Politica e Sociale presso l'Università degli Studi di Milano. Da sempre interessato ai temi sociali e politici ho trasformato la mia passione per la scrittura (e la lettura) nel mio mestiere che coltivo insieme all'amore per il mare e alla musica.
Tutti gli articoli di Giuseppe Spadaro →