Graduatorie provinciali 2020: data scadenza della domanda e come farla

Pubblicato il 15 Luglio 2020 alle 13:28
Aggiornato il: 17 Luglio 2020 alle 18:57
Autore: Guglielmo Sano

Graduatorie provinciali 2020: in arrivo “una vera e propria rivoluzione, una modernizzazione del sistema doverosa e attesa”, parola del Ministro Azzolina

Quanto guadagna un vicepreside: stipendio netto. Qualche cifra
Graduatorie provinciali 2020: data scadenza della domanda e come farla

Graduatorie provinciali 2020: “una vera e propria rivoluzione, una modernizzazione del sistema che era doverosa e attesa” così ha dichiarato qualche giorno fa il Ministro dell’Istruzione Azzolina rispetto alla nuova modalità di assegnazione delle supplenze.

Graduatorie provinciali: “rivoluzione” per circa 700mila aspiranti docenti

Graduatorie provinciali: in una recente intervista rilasciata al Sole24Ore così il ministro Azzolina ha presentato quella che non esista a chiamare una “rivoluzione” nel mondo della scuola (e che, innanzitutto, riguarderà circa 700mila aspiranti docenti). “Rendiamo più efficiente la chiamata dei supplenti, garantendo una copertura più rapida delle cattedre che restano vacanti dopo le assunzioni. E digitalizziamo finalmente graduatorie che ancora venivano aggiornate con moduli cartacei” ha detto il titolare del Miur a proposito delle nuove modalità di assegnazione delle supplenze. La stessa ha inoltre precisato: “Digitalizziamo, finalmente, graduatorie che ancora venivano aggiornate con moduli cartacei e stiamo facendo la stessa operazione anche per le immissioni in ruolo”.

Domande a partire dal 24 luglio?

Come funzionano le nuove graduatorie provinciali? Il prossimo anno scolastico partirà in ogni caso dalle immissioni in ruolo, potrebbero essere addirittura 80mila, quindi, si andranno a nominare i supplenti fino al 31 agosto e fino al 30 giugno; è a questo punto che entrano in gioco le nuove graduatorie in cui ogni docente potrà iscriversi per più classi di concorso ma per una sola provincia.

Saranno divise in un due fasce. Alla prima fascia potranno fare accesso i docenti abilitati all’insegnamento per le classi di concorso scelte e, per la parte del sostegno, coloro che sono provvisti di specializzazione. Alla seconda fascia potranno accedere, per la scuola dell’infanzia e primaria, gli studenti iscritti a terzo, quarto e quinto anno di Scienza della Formazione primaria che hanno terminato il tirocinio, per la scuola secondaria, chi ha i titoli necessari per iscriversi a una classi di concorso o un precedente inserimento nella terza fascia delle graduatorie di istituto per la classe di concorso scelta, per il sostegno coloro che hanno tre anni di insegnamento su posto di sostegno e abilitazione/titolo necessario per la classe di concorso scelta.

In pratica, gli uffici territoriali attingeranno dalle Graduatorie provinciali supplenze (Gps) solo dopo aver esaurito le disponibilità nelle Graduatorie ad Esaurimento. Secondo le ultime indiscrezioni riportate dalla stampa specializzata, si potrà fare domanda di iscrizione alle Gps a partire dal 24 luglio (ancora non è chiaro se ci saranno 15 o 30 giorni di tempo per presentare richiesta).

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →