Concorso Inps 2020: uscita bando a settembre, le materie da studiare

Pubblicato il 24 Luglio 2020 alle 10:42 Autore: Guglielmo Sano

Concorso Inps 2020: dopo il ritardo dovuto all’emergenza coronavirus, ormai prossima la pubblicazione del bando relativo alla prossima selezione dell’ente

Aula vuota
Concorso Inps 2020: uscita bando a settembre, le materie da studiare

Concorso Inps 2020: dopo il ritardo dovuto all’emergenza coronavirus, ormai prossima la pubblicazione del bando relativo alla prossima selezione dell’ente; dovrebbero essere circa 2mila i posti in palio alla fine. Quanto ancora bisognerà aspettare?

Concorso Inps 2020: data bando, posti e requisiti

Concorso Inps 2020 – È stato lo stesso Presidente dell’Inps Pasquale Tridico ad annunciare negli scorsi mesi una selezione volta al reclutamento di oltre 1.800 nuove unità; tuttavia, l’iniziale scadenza per la pubblicazione del bando, fissata intorno a marzo, è slittata ovviamente a causa dell’emergenza sanitaria. Adesso, però, appare sempre più probabile che la pubblicazione del bando non tarderà oltre settembre prossimo, inoltre, i posti dovrebbero salire oltre quota 2mila.

Prima della fine dell’estate, insomma, si conosceranno i dettagli relativi alla prossima selezione Inps: al momento, si può solo ipotizzare che il concorso riguarderà il reclutamento di consulenti per la protezione sociale, dunque, è praticamente certo che per partecipare sarà necessario aver conseguito una laurea magistrale o titolo equipollente in ambito giuridico-economico. Improbabile, infine, che vengano fissati anche dei paletti per quello che attiene all’età anagrafica dei candidati od un livello specifico di conoscenza della inglese.

Istanze Online Miur: registrazione e accesso, come resettare la password?

Le materie da studiare

Concorso Inps 2020 – Considerando la tipologia della selezione e il numero di posti è praticamente certa un’alta partecipazione di candidati. Quindi, si dovrebbe rendere necessaria una prova preselettiva con al centro quesiti di logica e cultura generale. Oltre agli argomenti specifici che verranno trattati nelle prove scritte (probabilmente due) e durante il colloquio orale (diritto, contabilità, principi di organizzazione etc…) sarà bene testare le proprie conoscenze di logica e cultura generale: in prossimità del concorso sarà pubblicata una banca dati con tutti i quesiti che potrebbero entrare nella prova preselettiva.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →