Prestito Inps fino a 40 mila euro: tasso interesse, rate e come avere i soldi

Pubblicato il 29 Luglio 2020 alle 15:30 Autore: Daniele Sforza

Come funziona il prestito Inps fino a 40 mila euro: dal tasso di interesse al meccanismo della rateizzazione. Ecco come chiedere e ottenere i soldi.

Prestito Inps fino a 40 mila euro
Prestito Inps fino a 40 mila euro: tasso interesse, rate e come avere i soldi

È possibile richiedere un prestito Inps fino a 40 mila euro a tassi di interesse molto bassi. Sulla propria pagina dedicata l’Istituto di previdenza afferma che mette a disposizione dei lavoratori e dei pensionati (e delle loro famiglie) iscritti una delle gestioni Inps, dei prestiti a tassi agevolati che sono erogati direttamente dall’Istituto tramite il proprio fondo, oppure da istituti di credito convenzionati. L’Inps mette a disposizione diverse tipologie di prestiti, ciascuna delle quali adatta a uno specifico target e ad altrettante specifiche esigenze. Di seguito sintetizzeremo come richiedere e ottenere un prestito Inps fino a 40 mila euro.

Prestito Inps: il servizio di simulazione disponibile sul sito dell’Istituto

Al fine di conoscere l’importo del prestito che l’Inps può erogare, nonché la sua durata e l’importo delle rate mensili da pagare, l’Inps ha messo a disposizione dei suoi utenti un servizio online finalizzato alla simulazione dei piccoli prestiti o dei prestiti pluriennali per i dipendenti pubblici. Inoltre, a partire dal 7 giugno 2016, i pensionati Inps possono usare il servizio mobile Quota Cedibile al fine di simulare il calcolo della quota cedibile della pensione al netto delle trattenute fiscali e previdenziali.

Chi sono i furbetti del cartellino e cosa rischiano secondo la legge italiana

I documenti da presentare

Per il 2019 il finanziamento standard ammontava a un importo di 5.000 euro anche se si può avere fino a 40.000 euro. Per richiedere un prestito diretto occorre una causale specifica da inserire nella domanda da presentare, che andrà inoltrata fisicamente recandosi presso lo sportello ex-Inpdap della sede Inps territorialmente competente. Il soggetto richiedente dovrà portare con sé la seguente documentazione:

  • Valido documento d’identità;
  • Ultima dichiarazione dei redditi;
  • Ultime 6 buste paga;
  • Certificato medico.

Quindi l’Inps avvierà il processo di istruttoria e infine stilerà una graduatoria che includerà la data di erogazione. Le tempistiche, va detto, risultano sovente abbastanza lunghe e sono dipendenti dalle risorse disponibili del fondo e dall’importo richiesto. L’erogazione dello stesso deve avvenire tramite metodi di pagamento tracciabili: quindi bonifico o assegno circolare.

Prestito Inps: tassi di interesse

Per quanto riguarda i tassi di interesse applicati sui prestiti pluriennali e/o sui piccoli prestiti, come si legge sul portale Inps, per il Prestito Pluriennale viene applicato il TAEG 3,5%, mentre per il Piccolo Prestito viene è applicato il TAEG 5%.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →