Bonus bici 2020: accredito diretto su conto corrente. Come funzionerà?

Pubblicato il 17 Agosto 2020 alle 13:09 Autore: Guglielmo Sano

Bonus bici 2020: dietrofront sull’app da parte del governo, i soldi dell’incentivo dovrebbero arrivare direttamente sul conto corrente

Bici
Bonus bici 2020: accredito diretto su conto corrente. Come funzionerà?

Bonus bici 2020: dietrofront sull’app da parte del governo, i soldi dell’incentivo per l’acquisto di e-bike, monopattini elettrici etc… dovrebbero arrivare direttamente sul conto corrente di chi fa richiesta.

Bonus bici 2020: dietrofront sull’app

Bonus bici 2020 – Citando delle fonti interne al Ministero dell’Ambiente, a dare per primo la notizia Fabio Giuffrida su Open: pare ormai scartata l’ipotesi di lanciare un’apposita app per richiedere l’incentivo sull’acquisto di e-bike, monopattini elettrici e altri mezzi sostenibili. Sulla decisione sembra pesare anche il fatto che nel corso delle ultime settimane sono apparse diverse applicazioni finte attraverso cui dei malintenzionati tentavano di truffare chi aveva intenzione di richiedere il bonus. Ecco allora che la soluzione per evitare a monte qualsiasi problema del genere sia stata individuata nell’accredito diretto del rimborso spettante su conto corrente. Per mettere a punto e attivare la procedura bisognerà attendere almeno la fine di agosto se non l’inizio del mese di settembre.

Accantonato definitivamente anche il Click Day

Bonus bici 2020: tramontato il lancio dell’app per richiedere il rimborso fino a 500 euro pare ormai abbandonata definitivamente anche la possibilità di istituire un click day. A quanto si apprende leggendo gli approfondimenti della stampa specializzata, pare che per fare domanda relativamente all’incentivo bisognerà compilare un format sul portale web del Ministero dell’Ambiente. Chi vorrà richiedere il rimborso, in pratica, dovrà inserire i dati dello scontrino parlante a testimonianza dell’acquisto (non basterà quindi lo scontrino semplice) oltre al codice Iban del conto corrente su cui vorrà ricevere l’accredito spettante.

A questo punto si impone con forza il punto della limitatezza dei fondi erogati a finanziamento della riforma: sempre le indiscrezioni riferiscono che il governo intende stanziare quanto necessario per rimborsare anche chi rimarrà escluso dalla prima erogazione del bonus bici con la prossima Legge di Bilancio.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →