Legge 104: detrazioni fiscali aggiornate, la guida dell’Agenzia delle Entrate

Pubblicato il 28 Agosto 2020 alle 09:14 Autore: Daniele Sforza

In merito alla Legge 104, l’Agenzia delle Entrate ha aggiornato la guida sulle detrazioni e le agevolazioni fiscali spettanti.

Legge 104 detrazioni fiscali aggiornate
Legge 104: detrazioni fiscali aggiornate, la guida dell’Agenzia delle Entrate

In questo articolo abbiamo riepilogato tutte le agevolazioni fiscali previste per i titolari di Legge 104 per quanto riguarda il settore auto, elencando le informazioni riassunte nella guida dedicata dell’Agenzia delle Entrate aggiornata ad agosto 2020. Di seguito andremo a sintetizzare brevemente le altre agevolazioni, e in particolare le detrazioni fiscali e i costi deducibili e detraibili derivanti dalle spese sanitarie sostenute, nonché dalle spese effettuate per l’acquisto di sussidi informatici e tecnologici di supporto. Inizieremo però dal ricordare a quanto ammontano le detrazioni fiscali per i figli a carico e quali sono le soglie reddituali da rispettare.

Legge 104: detrazioni fiscali figli a carico con handicap

Il contribuente con figli a carico fiscale ha diritto a una detrazione dall’Irpef, l’importo della stessa dipende però dal reddito complessivo percepito dal contribuente stesso ed è un importo progressivo, che di fatto si riduce con l’aumentare del reddito, fino all’azzeramento totale quando si arriva a un reddito annuo complessivo di 95.000 euro. A ogni modo, per ciascun figlio portatore di handicap fiscalmente a carico sotto i 3 anni la detrazione Irpef sarà di 1.620 euro, mentre se il figlio ha un’età pari o superiore a 3 anni la detrazione sarà di 1.350 euro. Gli importi possono aumentare nel caso in cui aumenti il numero dei figli: con più di tre figli, infatti, la detrazione aumenta di 200 euro per ogni figlio, a partire dal primo.

Detrazioni e deduzioni oneri contributivi e spese assistenza personale

Altre agevolazioni riguarda le spese sostenute per l’assistenza personale in generale. Viene infatti riconosciuta una deduzione del reddito complessivo degli oneri contributivi, fino a un importo massimo di 1.549,37 euro destinati agli addetti ai servizi domestici e all’assistenza personale o famigliare. Inoltre è prevista una detrazione Irpef del 19% delle spese sostenute per gli addetti all’assistenza personale, che vanno però parametrati su un importo massimo di 2.100 euro: il requisito reddituale consiste nel non superare un reddito annuo di 40.000 euro.

Detrazioni acquisto sussidi informatici, abbattimento barriere architettoniche e spese sanitarie.

Un’altra agevolazione fiscale importante riguarda la detrazione Irpef del 19% e l’Iva agevolata al 4% applicata all’acquisto dei sussidi informatici. La detrazione può essere applicata anche ad altri tipi di spese, in base al tipo di handicap. Ad esempio, per i sordi c’è la detrazione del 19% sulle spese effettuate per il pagamento dei servizi di interpretariato, mentre per i non vedenti spunta la detrazione per le spese sostenute per il proprio cane guida.

Non manca poi la detrazione Irpef sui costi sostenuti per l’abbattimento delle barriere architettoniche.

In conclusione si ricorda la deducibilità delle spese sanitarie in base al reddito complessivo percepito durante l’anno. La deducibilità riguarda l’intero importo delle spese mediche, sia a livello generico, sia di assistenza specifica.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →