Bonus baby sitter 2020: scadenza domanda a breve, come farla

Pubblicato il 28 Agosto 2020 alle 11:24 Autore: Daniele Sforza

Si avvicina la scadenza della domanda per il bonus baby sitter 2020: ecco come farla e per quali servizi è possibile fruire del beneficio.

Bonus baby sitter 2020 scadenza domanda a breve
Bonus baby sitter 2020: scadenza domanda a breve, come farla

Ormai mancano pochi giorni al termine ultimo per presentare domanda di bonus baby sitter 2020. Introdotto con il Decreto Cura Italia per aiutare quelle famiglie in cui entrambi i genitori lavorano dopo la chiusura delle scuole, a partire dal 17 giugno, come stabilito dall’Inps, il beneficio può essere usato anche se le mansioni di baby-sitting la svolgono i nonni, a condizione che questi ultimi siano residenti presso un indirizzo differente da quello di residenza del nipote.

Bonus baby sitter 2020: scadenza domanda e requisiti richiesti

C’è tempo fino a lunedì 31 agosto 2020 per richiedere il bonus baby sitter. Questo beneficio spetta ai genitori con figli con meno di 12 anni (al 5 marzo 2020), oppure, solo se gravemente disabili, senza limiti di età. L’importo ha un valore complessivo di 1.200 euro, che salgono fino a 2.000 euro per alcune categorie di lavoratori, quali operatori sanitari, professionisti della difesa e della sicurezza. Il bonus baby sitter non è cumulabile con altre forme di sostegno al reddito, quali Naspi, Cigo o indennità di mobilità. Inoltre il richiedente non deve essere disoccupato oppure non lavorare. Se i genitori lavorano in smart working, invece, nulla vieta di richiedere comunque il bonus.

Per fare domanda è necessario recarsi sul portale Inps e accedere all’area riservata tramite le proprie credenziali, ovvero:

  • Pin dispositivo Inps;
  • Spid di 2° livello o superiore;
  • CIE 3.0;
  • Carta Nazionale dei Servizi.

Per inviare la domanda sono richieste le seguenti informazioni:

  • Dati anagrafici dei genitori e del figlio;
  • Attività lavorativa svolta dal genitore richiedente e importo richiesto (multipli di 10 euro);
  • Dati struttura scelta e documentazione che certifica iscrizione figli (solo per i servizi integrativi per l’infanzia).

Come usare il bonus ed entro quando riscuoterlo

Il bonus si deve usare tramite Libretto Famiglia, ovvero un libretto nominativo il cui scopo è quello di compensare le prestazioni occasionali tramite titoli di pagamento dei quali il valore nominale è fissato in 10 euro.

Una volta ricevuto il bonus, il soggetto richiedente deve registrarsi come utilizzatore del Libretto Famiglia e come persona incaricata come prestatore del servizio. Entro e non oltre 15 giorni dalla comunicazione che attesta l’erogazione del bonus, sarà necessario riscuotere il beneficio, inserendo i dati del baby sitter (nome, cognome e codice fiscale). Inoltre i baby sitter stessi (anche se sono i nonni o gli altri parenti non conviventi) saranno tenuti ad accreditarsi. Al termine della procedura l’Inps erogherà l’importo sull’Iban indicato dal prestatore.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →