Cartelle esattoriali 15 ottobre: 9 milioni di atti e notifiche in arrivo?

Pubblicato il 7 Ottobre 2020 alle 08:00 Autore: Daniele Sforza
Cartelle esattoriali 15 ottobre

Cartelle esattoriali 15 ottobre: 9 milioni di atti e notifiche in arrivo?

Cartelle esattoriali: cambia tutto a partire da giovedì 15 ottobre 2020, giorno nel quale sarebbe dovuto finire lo stato di emergenza, prolungato invece fino a fine gennaio 2021. Gli slittamenti degli adempimenti fiscali stabiliti fino a questo momento hanno fatto tirare un sospiro di sollievo a molti contribuenti, ma dalla metà di ottobre chi attende una cartella esattoriale potrà riceverla. Sono 8,9 milioni le cartelle esattoriali, tra atti e notifiche, sospese per l’emergenza sanitaria e che potrebbero partire da giovedì prossimo.

Cartelle esattoriali 15 ottobre 2020: ripartenza graduale?

Quel che è certo è che questa scadenza non è stata ulteriormente prorogata, come forse qualcuno auspicava. Tuttavia è anche possibile che le cartelle non partano tutte insieme. Più plausibile che si decida per un invio graduale e progressivo delle notifiche e dei pignoramenti, almeno stando alle parole del ministro dell’Economia Roberto Gualtieri riportate da RaiNews24, il quale ha parlato di “grande gradualità”. Pur non rassicurando su un nuovo rinvio, Gualtieri ha affermato di aver detto all’Agenzia delle Entrate di preparare una ripartenza con grande gradualità.

Priorità sarà data agli atti urgenti e indifferibili (quelli a carattere penale) e poi via via tutti gli altri. Non c’è ancora ufficialità, visto che tale notizia è solo un appello con riferimento alle parole di Gualtieri. Oggi come oggi le notifiche potrebbero partire ancora tutte insieme o essere realmente scaglionate, ancora non lo sappiamo. Quel che è sicuro è che non ci sarà una ulteriore proroga: le risorse mancano per un nuovo rinvio ed è necessario fare cassa.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →