Subentro contratto locazione 2020 e spese di registrazione, chi paga?

Pubblicato il 19 Ottobre 2020 alle 15:47 Autore: Guglielmo Sano

Contratto locazione: chi deve pagare le spese di subentro e quelle di registrazione? Nell’articolo la risposta alle due domande

Subentro contratto locazione 2020 e spese di registrazione, chi paga?

Subentro contratto locazione 2020 e spese di registrazione, chi paga?

Contratto locazione: chi deve pagare le spese di subentro e quelle di registrazione? La questione dei rapporti tra locatario e locatore è spesso dibattuta, tuttavia, la normativa prevede delle precise disposizioni in merito alla questione. Di seguito la risposta alle domande.

Click day bonus bici 2020: come prepararsi? Si può avere il mezzo gratis?

Contratto locazione: chi paga le spese di registrazione?

Contratto locazione: l’atto della registrazione spetta tassativamente al proprietario dell’immobile entro 30 giorni dalla sottoscrizione. I costi, invece, devono essere divisi a metà tra il proprietario e l’inquilino o gli inquilini (anche se talvolta è il proprietario a farsene completamente carico). Le spese di registrazione sono variabili in quanto equivalgono (nel caso di immobili ad uso abitativo) al 2% del canone annuale a cui bisogna aggiungere quelle relative ai diritti di segreteria e alle marche da bollo.

Coronavirus ultime notizie: coprifuoco dalle 22, si potrà uscire di casa?

Invece, chi paga per il subentro?

Il subentro nel contratto di locazione: di cosa si tratta? In pratica, con il subentro un soggetto viene sostituito da un altro nel rapporto contrattuale. Questa operazione prevede l’applicazione di un’imposta di registro pari a 67 euro: il versamento dovrà avvenire entro 30 giorni. A questa cifra bisogna aggiungere 4 euro per le marche da bollo che si dovranno aggiungere sul modulo di scrittura privata tra subentrante e proprietario con cui si attesta lo svolgimento della procedura (2 euro di marca da bollo per ciascuna delle due copie che si dovranno fare della scrittura privata: una andrà al proprietario e una al subentrante). Quindi, il costo totale della procedura di subentro – nella generalità dei casi – è pari a 71 euro (69 euro se il proprietario paga la marca da bollo da apporre sulla propria copia della scrittura privata). Ora, salvo diversi accordi o specifiche condizioni contrattuali, a corrispondere tale cifra è il soggetto subentrante anche se di solito viene anticipata dal proprietario che si occupa di trasmettere le modifiche all’Agenzia delle Entrate.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →