Ultimi sondaggi Euromedia: Recovery Fund, gli italiani non si fanno illusioni

Pubblicato il 17 Dicembre 2020 alle 13:12 Autore: Andrea Turco
ultimi sondaggi, sondaggio, sondaggi euromedia, sondaggi elettorali euromedia

Ultimi sondaggi Euromedia: Recovery Fund, gli italiani non si fanno illusioni

Il Recovery Fund è stato il tema al centro degli ultimi sondaggi Euromedia per Porta a Porta. Gli italiani sembrano essersi interessati all’argomento: sei su dieci infatti dichiarano di essere a conoscenza dei progetti su cui verranno investiti i 209 miliardi di euro in arrivo da Bruxelles. I soldi dovrebbero arrivare in tarda primavera, ha assicurato l’attuale Commissario europeo per l’economia Paolo Gentiloni. Ma solo il 35% crede alle parole dell’ex premier. Quasi un italiano su due (47,8%) è invece convinto che i fondi arriveranno più tardi. Benché i soldi sul piatto siano tanti, gran parte dei cittadini non si fa illusioni: il 61,8% non ha molta fiducia sulle modalità con cui verranno gestiti i fondi. Le aspettative sono per lo più negative: per il 33,6% il Recovery Fund sarà la solita “spartizione” di denaro e sarà l’ennesima occasione sprecata, il 20% non nutre alcuna aspettativa mentre il 20% a livello personale non si aspetta nulla ma ritiene che i fondi in arrivo saranno utili per sistemare molti settori in difficoltà a livello nazionale come quelli della sanità, dei trasporti e delle infrastrutture. Solo il 6,7% considera il Reovery Fund fondamentale per far ripartire la propria attività.

Ultimi sondaggi Euromedia: ecco dove gli italiani investirebbero i soldi del Recovery Fund

Euromedia ha infine chiesto agli italiani dove investirebbero i soldi del Recovery Fund se dovessero essere loro a gestirli. Il 24,4% li spenderebbe in politiche per il lavoro e di riduzione della disoccupazione, il 22,3% nell’ammodernamento e ripensamento del sistema sanitario, il 16,7% nel rilancio dell’economia nazionale, l’11,4% nella riduzione della pressione fiscale. Minori percentuali riscuotono temi come l’immigrazione (6,5%), la scuola e l’istruzione (4,2%), la mobilità sostenibile e le infrastrutture (3,3%), il clima e l’ambiente (3,1%), la lotta alle disuguaglianze sociali (2,9%) e la digitalizzazione del Paese (2,9%).

Ultimi sondaggi Euromedia: nota metodologica

Data o periodo in cui è stato realizzato il sondaggio: 15 dicembre 2020. Campione casuale nazionale rappresentativo della popolazione italiana maggiorenne secondo genere, età, livello di scolarità, area geografica
di residenza, dimensione del comune di residenza. (800 interviste): 800 intervistati (interviste valide) – numero dei non rispondenti/rifiuti all’intervista: 1.051 – totale contatti effettuati: 1.851. Il margine di errore relativo ai risultati del sondaggio (livello di rappresentatività del campione del 95%) è +/- 3.5% per i valori percentuali relativi al totale degli intervistati (800 casi). Metodo raccolta delle informazioni: Interviste telefoniche – metodologia C.A.T.I.-C.A.M.I.-C.A.W.I.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

Per commentare su questo argomento clicca qui!

L'autore: Andrea Turco

Classe 1986, dopo alcune esperienze presso le redazioni di Radio Italia, Libero Quotidiano e OmniMilano approda a Termometro Politico.. Dal gennaio 2014 collabora con il portale d'informazione Smartweek. Su Twitter è @andreaturcomi
Tutti gli articoli di Andrea Turco →