Elezioni Germania 2021 diretta live: affluenza, exit poll, risultati definitivi

Pubblicato il 26 Settembre 2021 alle 18:41 Autore: Guglielmo Sano
Elezioni Germania 2021 diretta live: affluenza, exit poll, risultati definitivi

Elezioni Germania 2021 diretta live: affluenza, exit poll, risultati definitivi

PER AGGIORNARE LA DIRETTA PREMI F5 O AGGIORNA LA PAGINA SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

Elezioni Germania 2021: alle ore di 18 di oggi, domenica 26 settembre, si sono chiusi i seggi in terra teutonica. I primi exit poll sono usciti subito dopo. Chi si aggiudicherà la prima tornata del dopo Merkel?

19.10 Nonostante i primi exit poll riferiscano ancora di un testa a testa tra SPD e CDU (i socialdemocratici sarebbero uno-due punti sopra i cristiano democratici, questi ultimi d’altra parte appaiono destinati a incassare il peggior risultato della loro storia nella Germania federale), nel suo primo intervento post chiusura delle urne, l’ex ministro delle Finanze Scholz (SPD) ha parlato da cancelliere “in pectore”.

19.00 In base alle prime proiezioni, considerando i veti incrociati riguardanti le alleanze di governo ribadite nelle ultime ore (i verdi hanno precisato la propria preferenza per l’SPD escludendo quindi l’alleanza con la CDU), l’ipotesi al momento più probabile in ottica futuro esecutivo è quella che vede la formazione di una coalizione “semaforo” (Spd-rosso, liberademocratici di FDP-giallo, Verdi)

18.45 In attesa di proiezioni su dati reali più solide, come si vota in Germania? In Germania vige un sistema proporzionale con soglia di sbarramento al 5%. Agli elettori vengono consegnate due schede: una per indicare il candidato al Bundestag scelto nella circoscrizione e l’altra per votare un partito. Entrambe le preferenze portano all’elezione di un rappresentante in Parlamento (si può parlare di voto disgiunto): in breve, metà dell’aula viene scelta direttamente dagli elettori, l’altra, dai partiti più votati. Tra l’altro, se per esempio un partito riceve il 30% dei voti (seconda scheda) deve avere il 30% dei seggi al Bundestag. Per questo il numero di scranni è variabile (in modo da equilibrare le preferenze nominali e quelle partitiche): nell’ultima legislatura erano 598 ma possono arrivare fino a più di 700.

Elezioni Germania 2021: le prime del dopo Merkel

Elezioni Germania 2021: oggi, domenica 26 settembre 2021, in terra teutonica si è tenuta la prima tornata del dopo Merkel. A concorrere per prendere il posto della cancelliera Armin Laschet per la CDU e Olaf Scholz per l’SPD. Secondo gli ultimi sondaggi disponibili, alla fine di una lunga rincorsa, i cristiano democratici sembrano aver recuperato l’ampio svantaggio accumulato nei confronti dei socialdemocratici. Tre punti al massimo sembravano dividere Laschet da Scholz alla vigilia del voto.

Una nuova “Grande Coalizione”?

I primi exit poll, d’altra parte, riferiscono più che altro di un testa a testa tra i due candidati (con Laschet, addirittura, leggermente in vantaggio su Scholz). A breve dovrebbero cominciare ad arrivare i risultati reali: nel frattempo, i maggiori giornali teutonici hanno cominciato a sbilanciarsi rispetto alla composizione del futuro governo. L’opzione considerata al momento più plausibile è quella che vede la formazione di un cosiddetto esecutivo “semaforo”: in pratica, una coalizione formata da Spd (rosso), FDP cioè i liberaldemocratici (giallo) e i Verdi. Meno praticabile ma comunque possibile l’asse rosso-rosso-verde (la sinistra di Die Linke al posto dei liberaldemocratici).

Detto ciò, se gli exit poll venissero confermati, un po’ come da tradizione nonostante tale strada sia stata esclusa sia da Laschet che da Scholz, il prossimo governo tedesco potrebbe essere retto dalla Grosse Koalition CDU-SPD (magari con l’appoggio di altri partiti). Tuttavia, non si può nemmeno escludere a questo punto che la CDU risulti ancora una volta primo partito: dunque si potrebbe dover ricorrere alla coalizione soprannominata “Giamaica”, dai colori della bandiera del paese caraibico (CDU-nero, FDP-Giallo e Verdi).

Segui Termometro Politico su Google News

Scrivici a redazione@termometropolitico.it

Per commentare su questo argomento clicca qui!

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →