Assegno unico gennaio 2022: domande al via da inizio anno. I requisiti

Pubblicato il 22 Novembre 2021 alle 12:25 Autore: Claudio Garau
Pasqua in Lockdown: come funziona la deroga alle visite. I dettagli

Novità molto interessanti a partire dall’inizio del prossimo anno. Infatti, saranno ufficialmente varate le norme sull’assegno unico gennaio 2022: proprio da questo mese gli aventi diritto, potranno fare domanda per ottenere un sostegno al reddito che è stato ideato per razionalizzare e accorpare tutti i bonus, detrazioni e agevolazioni varie (pensiamo ad es. agli assegni familiari e ai bonus bebè), previste per i nuclei familiare con figli a carico. 

Assegno unico gennaio 2022: alcune importanti precisazioni sulla misura di sostegno 

Da gennaio 2022 gli interessati, che ne hanno i requisiti, potranno domandare ed ottenere l’assegno unico per i figli. Tutte le famiglie avranno diritto ad avanzare richiesta (ecco perché è chiamato assegno ‘universale’), a determinate condizioni che tra poco indicheremo. Tuttavia, vero è che l’importo varia molto in base al reddito dichiarato. 

L’ok all’assegno unico gennaio 2022 è arrivato recentemente, grazie al decreto attuativo del governo Draghi. Il provvedimento si fonda su alcuni punti cruciali, che di seguito esponiamo in sintesi: 

  • le famiglie potranno beneficiarne già dal settimo mese di gravidanza e fino alla maggiore età (in certi casi fino a 21 anni); 
  • per ottenerlo è preferibile presentare il reddito Isee; 
  • l’assegno unico gennaio 2022 può essere ottenuto anche senza, ma finendo automaticamente nella fascia più alta (assegno di importo più basso); 
  • le famiglie potranno fare richiesta all’Istituto di previdenza; 
  • l’assegno unico sarà versato direttamente sul c/c corrente indicato in fase di domanda a partire dal primo marzo, sul codice Iban di riferimento: 
  • i beneficiari che hanno un Isee fino ai 15mila euro conseguiranno l’importo massimo, che muta in base al numero dei figli, eventuali figli disabili e professione dei genitori; 
  • l’importo varia in relazione alle fasce di reddito, fino al tetto massimo di 40mila. Superato quest’ultimo si ottiene il minimo.

Reddito di cittadinanza, ecco quando scatta il blocco del conto corrente

Assegno unico gennaio 2022: chi può fare domanda e quando 

In tema di assegno unico gennaio 2022, occorre specificare che la richiesta può essere effettuata da un genitore o da chi ha la potestà genitoriale, come un tutore. Anche i figli maggiorenni – tra i 18 e i 21 anni – possono ottenere personalmente l’assegno unico. 

Rimarchiamo che non vi sono dei requisiti Isee specifici, si può conseguire a prescindere dal reddito. L’importo dell’assegno, però, cambia molto in base all’Isee. Lo ribadiamo: la domanda per l’assegno unico per i figli potrà essere effettuata a partire dal primo gennaio del prossimo anno e l’assegno partirà effettivamente dal primo marzo.  

L’Istituto di previdenza dovrà indicare le modalità di dettaglio per l’ottenimento del contributo, e con tutta probabilità sarà aperto un portale web ad hoc per fare domanda online. Altrimenti si potrà fare domanda presso gli sportelli dell’ente previdenziale, secondo un iter più classico. 

Da notare che l’assegno unico gennaio 2022 non è erogato in busta paga ma direttamente sul conto corrente, in quanto il Governo ha inteso evidenziare che si tratta di misura che si rivolge a tutti, al di là della tipologia di lavoro.  

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU GOOGLE NEWS

Scrivici a redazione@termometropolitico.it

L'autore: Claudio Garau

Laureato in Legge presso l'Università degli Studi di Genova e con un background nel settore legale di vari enti e realtà locali. Ha altresì conseguito la qualifica di conciliatore civile. Esperto di tematiche giuridiche legate all'attualità, cura l'area Diritto per Termometro Politico.
    Tutti gli articoli di Claudio Garau →