Tampone rapido fai da te: dove e come si può fare? Una guida veloce

Pubblicato il 29 Dicembre 2021 alle 08:00 Autore: Guglielmo Sano
Tampone rapido fai da te: dove e come si può fare? Una guida veloce

Tampone rapido fai da te: dove e come si può fare? Una guida veloce

Tampone rapido: è vertiginosamente aumentata la richiesta in concomitanza con le festività natalizie e di fine d’anno. Lungo tutto lo Stivale si riscontrano interminabili file nei luoghi dove si può effettuare il test. Quando è davvero necessario sottoporsi all’esame, le cose da sapere prima di provare quello fai da te.

Tampone rapido: aumentata vertiginosamente la richiesta

Tampone rapido: le file presso farmacie e hub sono state definite “mostruose” anche dal sottosegretario alla Salute Pierpaolo SIleri. In concomitanza con le festività natalizie e di fine d’anno, dunque, con l’occasione di riunirsi con parenti e amici (senza limitazioni a differenza dell’anno scorso), sembra che gli italiani abbiano scelto in massa la via della prudenza. Poco prima del Natale sono state circa 700mila le persone che ogni giorno hanno prenotato un tampone in farmacia secondo i dati di Federfarma. 5 milioni in totale i test nella settimana antecedente al 25 dicembre.  

Si parla di un’impennata della richiesta pari al 20% rispetto al periodo pre-natalizio. Farmacie e hub stanno tenendo rispetto alle previsioni che vedevano le strutture a rischio ingolfamento già ai tempi dell’introduzione del Green Pass.  D’altra parte, sottoporsi al tampone in modo per così dire preventivo non è del tutto corretto, sottolineano molti esperti in queste ore: il test è uno strumento da utilizzare in caso di comparsa di sintomi associabili al Covid oppure di contatto più o meno stretto con un positivo, in ogni caso non è un lasciapassare per esporsi ad eventuali situazioni di rischio (considerando anche che l’esito non è da considerarsi certo al 100%), questo in breve sostengono molti addetti ai lavori.

Il Fai da te è consigliabile?

Tampone rapido: in questo quadro sono tantissimi coloro che, sempre in vista di riunione con parenti e amici, molto spesso senza accusare alcun sintomo associabile al Covid, hanno scelto di risparmiare tempo acquistando in farmacia un test fai da te. Anche per i tamponi di questo tipo vale quando già detto: l’esito non è certo al 100%, anche se dà comunque un’indicazione affidabile. Tuttavia, per escludere completamente il rischio di “falso positivo” (oltre che a seguire in modo preciso le istruzioni su come svolgerlo) sarebbe meglio farne diversi a distanza di 3-4 giorni l’uno dall’altro, il più vicino possibile alla data in cui si prevede l’incontro con i propri cari.

Segui Termometro Politico su Google News

Scrivici a redazione@termometropolitico.it

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →