Bonus 2022 disabili: cos’è, come funziona e requisiti. La guida pratica

Pubblicato il 4 Febbraio 2022 alle 12:28 Autore: Claudio Garau
Legge 104 e disabili cosa cambia con la fase 2

E’ interessante notare che nel quadro di bonus 2022 ed agevolazioni previste in questo periodo per le famiglie, trova spazio anche il bonus disabili, il quale si struttura secondo precise caratteristiche, che qui di seguito intendiamo indicare in sintesi.  

Da rimarcare subito che il bonus figli disabili è previsto per gli anni 2021, 2022 e 2023 e per esso sono stati stanziati 5 milioni di euro per ogni anno. Ecco in sintesi come funziona.

Bonus 2022 disabili: di che si tratta in concreto? 

Tutti i genitori disoccupati o monoreddito, con figli con disabilità, debbono sapere che hanno diritto di fare richiesta per il contributo in oggetto, all’interno del sito dell’Istituto nazionale previdenza sociale. 

Dallo scorso primo febbraio sussiste infatti la possibilità di inviare le domande per il bonus 2022 figli disabili, un contributo mirato ai genitori disoccupati o monoreddito, con figli con disabilità in misura non al di sotto del 60 %, che tocca la misura massima di 500 euro mensili netti. 

Si tratta di un beneficio peraltro cumulabile con il reddito di cittadinanza e non concorre alla formazione del reddito. 

La richiesta ad hoc può essere inviata all’interno del sito Inps. 

Bonus 2022 affitto giovani: meccanismo, requisiti e limiti

Bonus 2022 disabili: come inviare la domanda e le modalità di pagamento 

Nella domanda bonus 2022 disabili è obbligatorio indicare, da parte del genitore richiedente, il codice fiscale del figlio o dei figli con disabilità per cui si richiede l’agevolazione. Ricordiamo altresì che solo per l’anno di riferimento con competenza 2022, il genitore può fare domanda anche per l’anno 2021, selezionando il flag recante le seguenti parole: “Dichiaro di voler presentare domanda anche per l’anno 2021”. 

Come appena accennato, l’iter per la richiesta del bonus 2022 è disponibile sul web, accedendo al portale istituzionale www.inps.it, ma occorre essere muniti di SPID di almeno II livello, CIE o CNS. 

Per inviare la domanda basta accedere al menu “Prestazioni e servizi” – “Servizi” – “Contributo genitori con figli con disabilità”. Oppure ci si può rivolgere ai Patronati. Due le modalità di pagamento tra cui scegliere: 

  • bonifico domiciliato presso ufficio postale; 
  • accredito su IBAN. 

Concludendo, se l’esito della domanda sarà positivo e si avrà dunque accoglimento da parte dell’Inps, il pagamento della somma avverrà con cadenza mensile. Ma attenzione: le domande bonus 2022 disabili all’Inps sono da presentarsi annualmente. 

Per maggiori informazioni rinviamo comunque alla pagina ad hoc sul sito web Inps.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU GOOGLE NEWS

Scrivici a redazione@termometropolitico.it

L'autore: Claudio Garau

Laureato in Legge presso l'Università degli Studi di Genova e con un background nel settore legale di vari enti e realtà locali. Ha altresì conseguito la qualifica di conciliatore civile. Esperto di tematiche giuridiche legate all'attualità, cura l'area Diritto per Termometro Politico.
    Tutti gli articoli di Claudio Garau →