La storia dei Loot Box nel Gaming

Pubblicato il 10 Gennaio 2023 alle 15:54
Aggiornato il: 27 Gennaio 2023 alle 17:41
Autore: Redazione
Offerte Videogiochi

Tutti ne abbiamo sentito parlare e probabilmente tutti ne abbiamo aperto almeno uno. Per tutti gli anni 2010, i Loot Box sono diventati uno dei punti fermi del gioco. Soprattutto online. Ma da dove vengono?

I Loot Box sono in realtà in circolazione da molto tempo e in questo articolo esploreremo la loro storia nei giochi, la controversia del 2010 e faremo alcune previsioni sulla loro inclusione nei prossimi giochi o meno.

Cos’è un Loot Box?

I Loot Box sono uno stile di drop di oggetti casuali. Simile alle gocce casuali che ricevi quando uccidi un mostro in un MMORPG, e contengono ricompense casuali al loro interno.

Possiamo dividere i Loot Box in due tipi: quelli che necessitano di una “chiave” e quelli che non lo richiedono.

I Loot Box con chiave si trovano più spesso nei MMORPG, ma anche in altri giochi multiplayer come Team Fortress 2, dove puoi ottenere chiavi di Team Fortress 2 scontate. I Loot Box più recenti non richiedono una chiave. Vengono invece forniti come ricompense in sé in occasione di un salto di livello.

Il primo Loot Box

The Loot Box ha probabilmente origine dall’idea giapponese del Gachapon che è nato negli anni ’60, noto come Gacha in occidente. Si tratta di piccoli distributori automatici che erogano giocattoli in piccole capsule. Si devono semplicemente inserire i soldi, girare la maniglia e poi una delle capsule viene erogata in modo casuale. Queste macchine possono ancora essere trovate in tutto il mondo.

Nei giochi, tuttavia, il primo Loot Box potrebbe essere il “biglietto Gachapon” che si trova nella versione giapponese del MMORPG sudcoreano, MapleStory, acquistabile con una valuta speciale chiamata NX in aggiunta ai già esistenti MapleStory Mesos. Questo sistema era totalmente basato sulle macchine Gachapon del mondo reale. I MMORPG sono diventati famosi per aver incluso una serie di sistemi in stile Gachapon, in cui i giocatori sarebbero stati ricompensati con Loot Box casuali per determinate missioni, in particolare per le missioni festive in giochi come Guild Wars o ZT Online.

Alla fine degli anni 2000, i principali studi di gioco stavano testando i Loot Box nei loro giochi. FIFA 2009 di EA li includeva notoriamente insieme a Team Fortress 2 di Valve e altri titoli come Star Trek Online e Il Signore degli Anelli Online.

Da allora, i Loot Box sono diventati incredibilmente comuni spuntando ovunque, da Overwatch e Counter-Strike a Forza Motorsport 7, Halo Wars 2 e persino Assassin’s Creed Origins per giocatore singolo.

Vale la pena notare che molti Loot Box non richiedono transazioni in valuta reale. Invece, molti MMORPG e altri titoli li includono nei sistemi del gioco per l’acquisto con valuta virtuale o come ricompensa per le azioni di gioco.

Perché i Loot Box sono così controversi?

Ci sono tre ragioni principali per cui i Loot Box sono diventati così controversi e hanno a che fare con il denaro, il gioco d’azzardo e il loro impatto sui giochi stessi.

Prima di tutto, molti giocatori e professionisti del settore vedevano i Loot Box come un modo per gli sviluppatori di giochi per gonfiare i prezzi dei loro giochi. Ad esempio, se i giocatori hanno già acquistato un gioco per $60, non si aspettano davvero di spendere di più all’interno del gioco a meno che non ci sia una buona ragione. Mentre i Loot Box e altre microtransazioni sono diventate essenziali per le strategie di guadagno di molti sviluppatori, è facile capire perché i giocatori possono avere forti sentimenti negativi nei confronti dei costi aggiuntivi.

In secondo luogo, e cosa più importante, i Loot Box promuovono il gioco d’azzardo. Qualcosa che è particolarmente problematico nei giochi destinati e giocati da minori. Non solo i Loot Boox e le microtransazioni possono portare i bambini a svuotare inconsapevolmente i conti bancari dei loro genitori, ma possono promuovere il gioco d’azzardo fin dalla giovane età che può essere un forte precursore della dipendenza dal gioco. La legislazione su questo problema ha costretto gli sviluppatori di giochi a pubblicare i loro tassi di rilascio di Loot Box, mentre alcuni paesi hanno vietato del tutto i bottini a pagamento.

In terzo luogo, i Loot Box possono cambiare le dinamiche dei giochi stessi. Questo è disponibile in due gusti. Innanzitutto, abbiamo esempi di giochi come Star Wars Battlefront 2 che hanno bloccato alcuni dei suoi eroi più potenti dietro una miriade di pickup che avresti acquisito lentamente dai Loot Box.

I giocatori hanno calcolato che potrebbero essere necessarie fino a 48 ore di gioco per sbloccare un singolo eroe; dando ai giocatori che avevano giocato più a lungo un vantaggio sleale rispetto a quelli che semplicemente non potevano dedicare ore. In secondo luogo, questo promuove una mentalità pay-to-win, in cui alcuni giocatori possono semplicemente acquistare tutti i bottini che desiderano fino a quando non ottengono gli aggiornamenti e le gocce che desiderano. Questo è un grosso problema in giochi come Hearthstone.

Come possiamo vedere, i giocatori hanno delle buone ragioni per non amare i Loot Box.

Il futuro dei Loot Boxe

Nel corso degli anni 2020 stiamo vedendo molti grandi titoli rilasciare Loot Box a causa delle polemiche che li circondavano. Ma non hanno rimosso questo stile di monetizzazione, sono semplicemente passati a un nuovo stile: il Battle Pass.

Questo non cambia molto la situazione. Questo perché i pass di battaglia spesso presentano molti degli stessi problemi dei Loot Box, con un effetto punitivo ancora più forte sui giocatori che non possono giocare per centinaia di ore al mese.

Ovviamente, gli sviluppatori hanno bisogno di modi per generare entrate sufficienti per creare i giochi assolutamente incredibili che producono per il mercato di oggi. Dopotutto, i moderni budget per i giochi AAA spesso si spingono a centinaia di milioni. Tuttavia, la necessità dello sviluppatore di fare più soldi non dovrebbe mai ostacolare il gioco o il giocatore. I prossimi due decenni saranno incredibilmente interessanti, l’industria dei giochi continuerà a trovare modi nuovi e innovativi per generare entrate.

Segui Termometro Politico su Google News

Scrivici a redazione@termometropolitico.it

L'autore: Redazione

Redazione del Termometro Politico. Questo profilo contiene articoli "corali", scritti dalla nostra redazione, oppure prodotti da giornalisti ed esperti ospiti sulle pagine del Termometro.
    Tutti gli articoli di Redazione →