15/06/2012

Turchia, stretta sull’aborto. Per Erdogan è omicidio.

autore: EaST Journal

La Turchia sembra scordarsi di aver recentemente ospitato il Forum internazionale sui diritti delle donne, tenutosi a Istanbul in aprile.

Il paese – o per lo meno il suo governo – sembra infatti muoversi progressivamente verso una società più religiosa, lontana dal laicismo del suo padre fondatore Ataturk, al punto che anche le feste in suo onore sono state fortemente ridimensionate.

01n120603-pg-horizontal

Tayyep Recip Erdogan, attuale premier e leader del partito islamico conservatore AKP, ha annunciato un prossimo disegno di legge contro l’aborto, definendo quest’ultimo “un omicidio“. Già in passato Erdogan aveva affermato che “ogni aborto è una Uludere“, riferendosi ad un’azione contro i separatisti curdi che aveva causato per errore la morte di decine di civili.

[ad]Con la nuova legge l’aborto, consentito in Turchia fino alla decima settimana di gravidanza dal 1983, dovrebbe essere permesso entro le prime quattro settimane, dopo le quali, secondo la credenza islamica “nasce la vita”. Nella peggiore delle ipotesi potrebbe essere completamente bandito. Ayhan Sefer Ustun, presidente della commissione diritti umani del parlamento turco, propone addirittura che la normativa vieti l’aborto anche in caso di stupro, mentre secondo il ministro della salute Recep Akdag dovrebbe essere il governo a prendersi cura delle donne rimaste incinte a seguito di violenze sessuali.

In Turchia come altrove, l’introduzione dell’aborto legale ha ridotto non solo le operazioni clandestine, che mettono in grave pericolo la vita della donna, ma anche quelle legali, anche grazie alla contemporanea diffusione dei metodi contraccettivi. Si pensi che in Italia la 194 (introdotta nel 1978) ha permesso di ridurre del 50% gli aborti dal 1982 ad oggi, nonostante il numero degli obiettori di coscienza sia aumentato negli ultimi anni dal 58.7% (2005) a oltre il 70% .

Malgrado ciò, e sebbene gli aborti in Turchia siano solo 14 ogni mille donne in gravidanza, a fronte di una media europea di 27 ogni mille donne (dati ONU), Erdogan parla di un “piano segreto” per limitare la crescita demografica del paese, che andrebbe di pari passo con quella economica. Il governo punta a toccare gli 80 milioni di abitanti dagli attuali 75, motivo per cui sprona le famiglie ad avere almeno tre figli. L’obiettivo parallelo è di diventare l‘ottava potenza economica mondiale entro il 2023 (oggi al 16° posto), proprio in onore del centenario della creazione della Turchia moderna da parte di Ataturk. Cifre che, tra altri aspetti, spaventano la vecchia Europa in vista di un possibile ingresso della Turchia nell’Unione Europea, poiché il numero gli eletti al parlamento europeo è proporzionale al numero di abitanti, e solo la Germania ne ha più della Turchia.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Autore: EaST Journal

East Journal è un progetto di giornalismo partecipativo che nasce dal basso, fatto da giovani e senza fini di lucro. East Journal è una testata registrata presso il Tribunale di Torino, n° 4351/11, del 27 giugno 2011. I contenuti sono condivisi con Termometro Politico grazie alla partnership nata da marzo 2012 tra le due testate giornalistiche. Il nostro obiettivo è quello di raccontare la “nuova” Europa, quella dell’est, che rappresenta il cuore antico del vecchio continente. La cultura e la storia ci insegnano la comune appartenenza. L’europeismo critico è dunque una nostra vocazione. Tra i nostri temi più cari figurano poi la tutela delle minoranze, l’analisi dell’estremismo di destra, la geopolitica energetica, il monitoraggio del crimine organizzato transnazionale.
    Tutti gli articoli di EaST Journal →