Tadić e Thaçi, una stretta di mano elettrica. Un nuovo corso nelle relazioni tra Serbia e Kosovo?

Pubblicato il 24 Luglio 2012 alle 23:07 Autore: EaST Journal
Thaçi

Mr. Thaçi, I presume

Si sono stretti la mano a Dubrovnik, pochi giorni fa, poi ognuno ha ripreso la sua strada. Un evento inatteso e incompreso, e di cui non si intuisce ancora la portata. Come scenario, il sesto “Croatia Summit” di Dubrovnik, conferenza annuale che riunisce capi di stato e di governo balcanici e paesi amici.

Da una parte Hashim Thaçi, primo ministro della Repubblica del Kosovo per il Partito Democratico (DPK), già guerrigliero dell’Esercito di Liberazione del Kosovo (KLA) e secondo diverse fonti (incluso il rapporteur del Consiglio d’Europa, Dick Marty), legato alle reti criminali che gestivano traffici di droga e di organi attraverso il Kosovo per finanziare la lotta armata.

Thaçi

Dall’altra, Boris Tadić, leader del Partito democratico serbo (DS) appena uscito sconfitto alle elezioni presidenziali e sull’orlo di perdere anche il governo del paese, dopo il voltafaccia di Ivica Dačić e del suo Partito Socialista Serbo (SPS).

Già da anni la delegazione ufficiale serba boicottava l’evento di Dubrovnik per via della presenza del primo ministro kosovaro, e lo stesso ha fatto quest’anno (complici anche i negoziati ancora in corso per la formazione del governo). Tadić ha partecipato da privato cittadino, invitato dal primo ministro croato Zoran Milanović, ma si tratta comunque del politico serbo di più alto grado (oltre che probabile leader dell’opposizione) ad incontrare il capo di governo delle autorità di Pristina, come ha sottolineato il quotidiano croato Večernji List. Qualcuno aveva parlato addirittura di un possibile meeting tra i due – poi limitato invece alla sola stretta di mano.

Reazioni e contro-reazioni, tra Belgrado e Pristina

I due protagonisti hanno subito minimizzato la portata dell’evento, per evitare le bordate da parte dei radicali dei due schieramenti.  “Per quanto riguarda la stretta di mano col premier kosovaro Thaci, io non gli darei un significato storico, anche se è positivo che rappresentanti di popoli differenti si incontrino, e anche i rappresentanti dei popoli albanese e serbo. Ciò è positivo poichè tra di noi c’è un problema che deve essere risolto”, ha detto Tadić alla Tanjug. E alla televisione serba Prva TV ha sottolineato che il suo atto “ha una dimensione simbolica”, e che “se qualcuno pensa che non dovrei prendere parte in incontri diplomatici dove si prendono delle decisioni, allora questi hanno dei problemi con la logica. Il nostro problema con il Kosovo ha limitato la nostra partecipazione ai forum internazionali”.

E Thaçi ha definito il gesto un “passo tardivo” ad Al Jazeera Balkan: “Penso che il regolare boicottaggio di questo genere di incontri da parte della Serbia sia un errore”.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

L'autore: EaST Journal

East Journal è un progetto di giornalismo partecipativo che nasce dal basso, fatto da giovani e senza fini di lucro. East Journal è una testata registrata presso il Tribunale di Torino, n° 4351/11, del 27 giugno 2011. I contenuti sono condivisi con Termometro Politico grazie alla partnership nata da marzo 2012 tra le due testate giornalistiche. Il nostro obiettivo è quello di raccontare la “nuova” Europa, quella dell’est, che rappresenta il cuore antico del vecchio continente. La cultura e la storia ci insegnano la comune appartenenza. L’europeismo critico è dunque una nostra vocazione. Tra i nostri temi più cari figurano poi la tutela delle minoranze, l’analisi dell’estremismo di destra, la geopolitica energetica, il monitoraggio del crimine organizzato transnazionale.
    Tutti gli articoli di EaST Journal →